Polpi? No robot morbidi   Aiuteranno e giocheranno coi bimbi
I robot morbidi visti dall’illustratore Stefano Misesti

Polpi? No robot morbidi

Aiuteranno e giocheranno coi bimbi

Lo scienziato Cecilia Laschi spiega come con una collega ha inventato gli automi senza spigoli

Polpi, bruchi, pesci e meduse? No, robot morbidi inventati due scienziati italiani - Cecilia Laschi, dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa che guida il programma europeo RoboSoft e Barbara Mazzolai, che guida il Centro di Micro-BioRobotica dell’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) a Pontedera (Pisa) - che hanno creato degli autonomi capaci di aiutare gli umani, senza essere così rigidi come quelli che siamo abituati a vedere muoversi a scatti. Saranno sul mercato entro 20 anni, saranno a metà tra animali e robot rigidi. Ma come sarà venuta agli scienziati l’idea di creare robot morbidi, e davvero hanno studiato i polpi?

Su La Provincia in edicola il 23 febbraio l’intervista a Cecilia Laschi che spiega i segreti dei robot morbidi

© RIPRODUZIONE RISERVATA