Operaio a 1200 euro al mese
"Rifiutano, stipendio basso"

MARIANO In tempi di crisi, con le famiglie gettate sul lastrico per la perdita del posto di lavoro, c'è anche chi ritiene di poter rifiutare un impiego sicuro, della durata di 18 mesi, perché 1.200 euro di stipendio per fare l'operaio sono ritenuti insufficienti.

Aveva ragione il ministro Elsa Fornero quando parlava di giovani troppo "choosy" (schizzinosi) nei confronti del mondo del lavoro? Sicuramente per la maggior parte di loro non sarà così, ma qualche domanda bisognerà pur iniziare a farsela se a fronte di una decina di negozi di Como in cerca di commesse, nessuno riesca ad assumere e se il posto di operaio alla Pragma venga rifiutato dal vincitore del concorso perché il candidato forse ha ritenuto che il compenso mensile non fosse adeguato. «Certezze che sia andata così non ne ho - spiega Franco Brenna, presidente della municipalizzata che gestisce l'acquedotto per conto di 10 Comuni, tra cui Mariano -, ma la sensazione è forte perché al primo colloquio, tra le altre cose che mi ha chiesto il vincitore, c'è stata anche la domanda sull'ammontare dello stipendio. La mia deduzione che a non convincere sia stato proprio l'importo, nasce dal fatto che la rinuncia è avvenuta poco dopo aver visto una simulazione della busta paga».

«Non voglio entrare nel merito delle decisioni - aggiunge Brenna -, ma avendo anche una mia attività, devo dire che spesso i giovani che vengono a sostenere dei colloqui si mostrano con poco mordente e soprattutto scarsa preparazione. Nonostante questo sono pretenziosi e la prima cosa che chiedono è di sapere quanto guadagneranno senza nemmeno far capire cosa sanno fare».

e.marletta

© riproduzione riservata

Accedi al sito per commentare

I commenti dei lettori (8)

  • 8 | morgan11 - Messaggi (1) - 04-03-2013 - 11:22h

    CARO SIG. BRENNA, se avesse avuto una coscienza questo articolo se lo sarebbe risparmiato. Prima di diffamare le persone basandosi solo sulle SUE DEDUZIONI pensi a cosa fa per meritarsi il compenso come presidente della Pragma, che noi cittadini e noi operai "choosy" (schizzinosi) paghiamo... Pensi alle persone che lavoravano li da anni e che LEI HA LICENZIATO senza giustificato motivo proprio in questo momento di crisi.. non si preoccupa in questo caso di gettarle sul lastrico? Mi vergogno per lei, si dimetta da presidente che magari recupera la faccia e la smetta di togliere spazio ai giornali con le SUE DEDUZIONI che non interessano a nessuno!

  • 7 | VeronicaBanshee - Messaggi (2) - 04-03-2013 - 01:53h

    "ma qualche domanda bisognerà pur iniziare a farsela se a fronte di una decina di negozi di Como in cerca di commesse" ma avete idea dei requisiti assurdi che chiedono?? ho 21 anni, studio lingue all'università e lavoro come hostess nel frattempo per pagarmi la salassata di treno, libri e compagnia cantando; in tali negozi non ti prendono perché "non hai esperienza di almeno 2 anni", perché sei troppo giovane, o troppo vecchia, o perché ho un tatuaggio sul polso? e poi i "choosy" saremmo noi? ma andate un po' a quel paese.. mando centinaia di curricula per qualunque tipo di lavoro, altro che choosy. e come me migliaia di altri ragazzi.

  • 6 | pietropaolo - Messaggi (277) - 02-03-2013 - 16:35h

    Cosa c'entrano gli insegnanti? Ecco un altro "luogo comune".Non confondiamo fischi con fiaschi. Sono due tipologie di lavoro differenti entrambe utili ma non paragonali. Ci sono operai che vivono decentemente con meno di 1200€ al mese ,operai che fanno i sindacalisti e prendono lo stipendio senza mai aver messo piede in fabbrica,la maggiorparte dei docenti lavora nelle scuole paritarie con uno stipendio da fame o addirittura gratis solo per avere un punteggio da inserire in graduatoria, altri insegnanti "rubano" lo stipendio e svolgono più lavori. Naturalmente preciso che a mio avviso operaio e insegnante hanno uguale valenza.

  • 5 | claudio.g - Messaggi (245) - 01-03-2013 - 23:18h

    e se avesse avuto un'altra offerta nel frattempo? dobbiamo essere tutti per forza alla canna del gas e accettare qualsiasi proposta ci venga fatta senza possibilità di scelta?

  • 4 | roberto1872 - Messaggi (20) - 01-03-2013 - 20:04h

    Molto più semplicemente mi piace pensare che, probabilmente in rapporto al tipo di lavoro proposto ed alla sua " pesantezza ", il canditato non abbia ritenuto adeguata la proposta fatta. Magari con 2.000,00 euro al mese avrebbe accettato. Presa così, la notizia è troppo " superficiale " e non darei subito la colpa " ai soliti luoghi comuni ". Per esempio, se chiamassero degli insegnanti precari delle scuole superiori e gli prospettassero il posto di ruolo a 1200 euro, sono sicuro che le adesioni sarebbero immediate e senza alcuna esitazione.

  • 3 | lucaboselli1971 - Messaggi (467) - 01-03-2013 - 19:21h

    I sussidi vengono elargiti a seguito di requisiti mediamente più ferrei di altri paesi europeo: togliamo quindi di mezzo qualunquistiche valutazioni. Il problema c'è ed è un altro: l' italia è l' unico paese cosiddetto capitalistico dove la flessibilità del lavoro (aspetto necessario nel mercato del lavoro), ed il tempo determinato è flessibilità, ha, mediamente, un costo per le imprese minore rispetto al lavoro rigido! Detto ciò il caso specifico è comuqnue stucchevole.

  • 2 | dago68 - Messaggi (20) - 01-03-2013 - 18:56h

    si sa brenna perche' e' presidente?

  • 1 | ricreds - Messaggi (401) - 01-03-2013 - 18:11h

    Sarebbe il caso di controllare se, questo "signore" magari,usufruisce pure di qualche sussidio che, questo stato ridicolo, è sempre pronto ad offrire a nullafacenti cronici o ad extra-comunitari "innamorati del bel paese".

al cinema

Vivi Como

Eventi
Pubblicità
PubblicitàSPM
SpecialiSPM