Mercoledì 11 dicembre 2013

Cantù, bimbo giù dalla finestra

Il salvatore: «Giocavo in porta»

Jessica Onye, 32 anni, con il piccolo Ryan, 3 anni, nella casa di via Milano

«Non ho dormito tutta la notte. È stato un miracolo. Non altro. È stato Dio a salvare mio figlio, attraverso quell’uomo che l’ha preso tra le braccia al volo e che non riesco a smettere di ringraziare».

È sul punto di scoppiare a piangere Jessica Onye, 32 anni, la mamma del piccolo Ryan Ilenikhena, il bimbo di 23 mesi volato dalla finestra di casa, dal secondo piano del palazzo di via Milano 21 - all’angolo con via Uberto da Canturio - l’altroieri. Dopo essere precipitato per quasi nove metri, Ryan, due anni a gennaio, è finito tra le braccia di Luigi Barbanera, 45 anni, assistente di polizia penitenziaria al Bassone: l’eroe con un passato da portiere amatoriale. Luigi sarà anche il nome del fratello di Ryan. Per volontà della mamma, in attesa di partorire questa settimana.

.

Oggi Barbanera, festeggiato dai suoi colleghi con un emozionante applauso, è ritornato in via Milano. «Ci incontreremo con le nostre famiglie - racconta - riprendere il bimbo in braccio mi ha fatto un effetto bellissimo. Ho giocato da portiere in una squadra a Potenza, la città di cui sono originario. Penso che sia servito per calcolare il tempo del volo per la presa, sincronizzata. E la caduta: un tuffo per attutire il peso in accelerazione. Ma è comunque un miracolo di Dio. Mia moglie è piena di gioia. Io, stanotte, ho rivisto più volte il volo. Ma, soprattutto, quel bambino in piedi sulla finestra».

© riproduzione riservata

Commenti (6) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
gian2812 scrive: 12-12-2013 - 01:06h
Tutto è bene quel che finisce bene. Luigi è stato davvero prontissimo nel suo intervento ed ha dimostrato che, se si vuole, si può fare sempre del bene al prossimo col proprio comportamento non egoistico. La mamma di Ryan però dovrebbe prestare maggior attenzione a quello che fa' il proprio figlio; non voglio assolutamente darle addosso, prego solo che faccia così sempre d'ora in poi. Grazie di esistere Luigi! Ed all'altro, nascente, Luigi auguro tanta fortuna ed una vita serena.
pertinente scrive: 11-12-2013 - 17:01h
Si... ma la madre dov'era!!!
MaxZeta scrive: 11-12-2013 - 15:01h
Oltre alla gioia dell'evento , spero che la mamma presti più attenzione al piccolo . Noi italiani siamo troppo apprensivi, altre etnie per cultura lasciano molta libertà, che spesso però può risultare pericolosa.
brancolonelbuio scrive: 11-12-2013 - 13:29h
C'è tanta gente che scappa ma tanta che resta e aiuta. Meno male! Un augurio a Ryan che la fortuna sia sempre così con lui.
Vedi tutti i commenti