Cantù, vandali nei boschi  Rubata Madonna dell’800
La cappella del Lazzaretto ora è desolatamente vuota

Cantù, vandali nei boschi

Rubata Madonna dell’800

Devastato il luogo sacro del Lazzaretto a Fecchio, è sparita la statuetta

I Nespoli curano la cappellina da trent’anni: «Che vergogna, un gesto vile»

Vighizzolo, zona tre sassi e in particolare i boschi che da Santa Naga si estendono fino a Fecchio, terra di vandali che sono tornati a colpire con un nuovo raid. Nel tardo pomeriggio di giovedì alcuni ignoti hanno fatto visita alla Cappella del Lazzaretto devastando il luogo sacro e rubandone la Madonnina che dalla fine del 1800 si erige nel bosco a memoria dei tanti morti di tifo.

«Un gesto davvero vile», commenta Tiziana Nespoli, la cui famiglia da oltre trent’anni si prende cura della Cappellina. «Portiamo i fiori,i lumini, insomma tentiamo di abbellire e tenere bene questo spazio. Ma non siamo gli unici - spiega la signora Nespoli -. Tante sono le persone devote e affezionate al posto e ognuna di loro dà il proprio contributo, gratuitamente». Venerdì mattina l’amara scoperta: il luogo sacro è stato violato e la Madonnina è stata portata via

I dettagli su la Provincia in edicola domenica 14 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare