Lunedì 20 gennaio 2014

Carnevale, la vendetta di Menaggio

«Niente fusione? Faremo da soli»

Un momento della sfilata dello scorso anno
(Foto by foto archivio la provincia)

Stop al Carnevale della Val Sanagra, che da otto anni vedeva collaborare le Pro Loco di Menaggio e Grandola.

Menaggio pare aver chiuso le porte in faccia al paese a monte e c’è chi ha la sensazione che si tratti di una scelta legata all’esito del referendum sulla fusione. Al pari di Plesio e Bene Lario, Grandola ha bocciato il progetto di accorpamento con Menaggio e il sindaco del principale Comune, Alberto Bobba, non ha nascosto la sua personale delusione; ora, tuttavia, riconduce il divorzio del Carnevale a una presunta latitanza della Pro Loco grandolese.

«Non hanno capito»

«Personalmente non esiterei interrompere ogni collaborazione con le realtà che non hanno voluto la fusione. Menaggio è un centro importante e i paesi circostanti avrebbero avuto solo da guadagnare dall’accorpamento proposto; se non l’hanno accettato, significa che ritengono di potersi arrangiare da soli. Fatta questa personale considerazione - prosegue il primo cittadino - da quanto mi è stato riferito è Grandola che non ha mostrato più interesse alla sfilata di Carnevale organizzata in collaborazione. La Pro Loco di Menaggio ha convocato tutte le parti in causa per contare le presenze e la Pro Loco di Grandola non si è presentata, salvo lamentarsi in seguito. A questo punto non mi stupirei se a Grandola organizzassero la sfilata nella stessa data nostra, ma se così fosse non ci lasceremmo affatto condizionare, certi che la nostra manifestazione non ci rimetterebbe comunque».

© riproduzione riservata