Hashish e marijuana al Setificio  Rischiano la sospensione 18 studenti
I Baschi Verdi della guardia di finanza durante il blitz antidroga

Hashish e marijuana al Setificio

Rischiano la sospensione 18 studenti

Sono cinque gli alunni denunciati alla magistratura. Nei guai anche tre ragazze. Il dirigente: «Ma noi dobbiamo educare e il nostro obiettivo è il recupero dei ragazzi»

Cinque studenti denunciati alla magistratura e tredici segnalati dalla guardia di finanza alla Prefettura di Como per consumo di droga.

È questo il risultato del blitz al Setificio, 62 i grammi confiscati tra hashish e marijuana.

L’inchiesta

Concluse le indagini il consiglio d’istituto farà scattare anche le sanzioni disciplinari nei confronti degli studenti colti in flagrante: l’ipotesi è la sospensione, a rischio l’anno scolastico.

Per possesso di sostanze stupefacenti sono stati segnalati tredici studenti, di cui nove maggiorenni e quattro minorenni, tra di loro anche tre ragazze. Cinque gli studenti denunciati per spaccio. Oltre ai sessantadue grammi di cannabis sono stati sequestrati degli strumenti per confezionare le sostanze, un portatile, un tablet, quattro telefoni cellulari e oltre 500 euro in contanti, il frutto dello spaccio.

«Attendiamo la fine delle indagini, poi la guardia di finanza ci illustrerà i particolari dei controlli - spiega il dirigente scolastico Roberto Peverelli - una volta conosciute le precise accuse a carico dei singoli studenti potremo riflettere e decidere il da farsi»

«Il nostro regolamento disciplinare - dice ancora Peverelli - prevede dai sei ai dieci giorni di sospensione per chi introduce una modica quantità ad uso personale di sostanze stupefacenti. La sospensione superiore ai quindici giorni invece scatta per chi commercia queste sostanze dentro alla scuola. È il consiglio d’istituto che decide ed eroga queste sanzioni. Speriamo, per il bene dei nostri ragazzi, che nella fattispecie i reati non siano gravi. Le pene inflitte dalla scuola comunque devono sempre essere ragionate e commisurate». Una sospensione oltre i quindici giorni è una grave macchia sul curriculum di uno studente

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (2) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Elle Erre scrive: 24-11-2014 - 09:38h
Far intervenire la guardia di finanza in un istituto scolastico con cani passare al setaccio tutte le aule dell'istituto durante l'orario scolastico non credo che sia una cosa piacevole e portar via alcuni ragazzi ricorda un pò blitz di altri tempi, credo che la funzione di una scuola sia di educare e di tutelare i ragazzi che sono presenti nella propria scuola. e che vengono affidati dai genitori all'istituto. Non fa bella figura il preside dove sembra che governi un'istituto pieno di drogati e la guardia di finanza con metodi discutibili. Non era possibile fermare i ragazzi fuori dalla scuola? e fermare gli spacciatori anzichè entrare in quella maniera? E la scuola deve aspettare l'intervento della guardia di finanza per attivarsi con progetti educativi?
M __ scrive: 24-11-2014 - 08:37h
Giusto sanzionare, ma anche educare preventivamente. Di sicuro sono più di diciotto mele marce... E forse sono così tanti che varrebbe la pena studiare il problema, non le sanzioni. Comunque da qualche parte si doveva pur cominciare...