Identificati tutti i 13 naziskin  Maroni: sbaglia chi non li condanna  Il 9 in piazza anche Forza Nuova

Identificati tutti i 13 naziskin

Maroni: sbaglia chi non li condanna

Il 9 in piazza anche Forza Nuova

Identificati otto dei tredici componenti il gruppo che fa parte di un’associazione skinhead di Vicenza. Il responsabile: le denunce non ci spaventano

La polizia ha identificato tutti i 13 componenti del gruppo di skinheads entrato in azione l’altra sera al Chiostrino di Sant’Eufemia. Le immagini, le stesse che avevano permesso di risalire fin da subito ai primi quattro nominativi (si trattava di persone che orbitano attorno al mondo ultras, del tifo organizzato), avevano permesso alla Digos di identificarne prima altri quattro, poi tutti i partecipanti.

La Procura della Repubblica di Como (indagini coordinate dal pm Simona De Salvo) ha già iscritto sul registro degli indagati quattro nominativi, che a questo punto dovrebbero diventare tredici. Il reato è quello di violenza privata.

Intanto il 9 dicembre oltre alla manifestazione contro le intolleranze indetta dal Pd, ha annunciato che scenderà in piazza anche Forza Nuova, gruppo di estrema destra, con una contromanifestazione.

Nel frattempo, il capo del gruppo, Giordano Caracino, ha risposto alle domande di Giuseppe Cruciani, conduttore della trasmissione di Radio 24 “La zanzara”: «Non era un incontro segreto, ma pubblico. E non c’è stata alcuna violenza - ha detto -. Lo rifaremo. Le denunce? Ce ne possono fare anche diecimila, non cambieremo di una virgola».

Sollecitato dai conduttori del programma, l’esponente del movimento di estrema destra ha così risposto: «Hitler? Ha fatto cose positive per la Germania; Mussolini grande statista, purtroppo ha perso la guerra»; «Sei milioni di ebrei morti? Ho dei dubbi, la storia andrebbe riscritta». A scanso di dubbi, Caracino ha quindi illustrato il pensiero del Veneto Skinheads sui temi dell’immigrazione e dell’inclusione: «Non vogliamo società multirazziale, non sposerei mai una nera» ha detto, aggiungendo: «Un nero non può essere italiano, via dal Paese neri e immigrati».

Pensa che il centrodestra abbia sottovalutato il blitz dei neofascisti a Como? «Certamente sì.

Fatti come questi non sono atti di violenza, ma forse sono ancora più gravi». Così il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, intervistato da Repubblica: «Perché questo virus può contagiare i giovani, che oggi sono perennemente in cerca di un centro di gravità permanente. Questo è un pericolo contro il quale non bisogna lasciare spazio a coperture politiche di nessun tipo».

«Quelli della mia generazione - dice -, sono vaccinati, noi abbiamo visto quello che è successo in passato, ma i giovanissimi no», dunque «si può anche dire che si tratta folclore, di comportamenti che non hanno nulla di serio, ma non vanno sottovalutati». Perché gli altri esponenti del centrodestra hanno avuto reazioni timide? «Per un calcolo forse elettoralistico - ritiene Maroni - che purtroppo, prevale sempre più spesso nel corso di una campagna elettorale. Dove le affermazioni prevalgono sui valori. Probabilmente si tratta di questo, ma, secondo me, è un calcolo sbagliato». La politica dovrebbe reagire «con una condanna ferma, immediata, ma senza enfatizzare troppo le cose. Altrimenti si fa il gioco di chi provoca». «Se queste persone venissero a dirmi: ci siamo e ci presentiamo in coalizione per sostenere la sua candidatura, io gli direi che non se ne parla. Anche se avessero tanti voti», conclude

«Maroni fa bene il presidente della Regione, ma ognuno deve fare il suo mestiere». Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini rispondendo alla domanda di un cronista sulle dichiarazioni rilasciate a La Repubblica da Roberto Maroni, che ha condannato fermamente l’episodio di Como dicendo che «la Lega non è né di destra, né di sinistra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA