Piscina, slitta la riapertura  E al campo Coni tutto fermo
La piscina di Muggiò

Piscina, slitta la riapertura

E al campo Coni tutto fermo

Avrebbe dovuto aprire ieri, ma l’acqua è ancora fredda e l’impianto è ancora chiuso

Brutte notizie per gli utenti della piscina olimpionica di Muggiò. Contrariamente agli annunci, ieri non si sono riaperte le porte dell’impianto e si rischia uno stop fino a giovedì. I corsi sono slittati, problemi anche per la pallanuoto.

Cos’è successo? «Un problema a una tubazione cementata ha reso necessario un intervento urgente con svuotamento della vasca - spiegava il Comune nei giorni scorsi - Una volta terminati i lavori, prima di consentire la ripresa delle attività, sarà necessario riempire di nuovo la vasca, verificare il corretto funzionamento dell’impianto, infine scaldare l’acqua». Era poi arrivata l’indicazione del 18 settembre (ieri) per la riapertura al pubblico e alle società sportive.

Ma proprio sull’ultimo passaggio c’è stato un problema: «Non si è riusciti a riscaldare l’acqua in modo adeguato, la temperatura è ancora troppo bassa, ecco perché la riapertura slitta - dice l’assessore allo Sport Marco Galli - Il problema dipende da Comocalor e in particolare dai lavori al teleriscaldamento. Speriamo di riuscire a risolvere tutto entro giovedì».

Il problema alla tubazione si era verificato a ridosso della fine dei lavori di manutenzione scattati in estate, poco prima del riempimento della vasca. Ora proprio il riempimento sta rappresentando un ulteriore ostacolo: i test sulla temperatura non hanno dato l’esito sperato.

Sempre in tema di impianti sportivi, va segnalato anche lo slittamento dei cantieri per la riqualificazione del campo Coni. Partiranno, secondo gli ultimi aggiornamenti, con quasi un mese di ritardo. La data prevista inizialmente era il 29 agosto, ieri l’assessore Galli ha detto che «l’azienda avvierà gli interventi lunedì prossimo, 25 settembre».

«Il Comune ha consegnato il cantiere già da tempo - aggiunge Galli - L’impresa ha garantito che, nonostante il ritardo, completerà i lavori nei tempi previsti, quindi a dicembre. È questo l’importante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA