Vasto incendio minaccia le case di Sirta e Sostila
Vasto incendio sopra il centro abitato di Sirta

Vasto incendio minaccia le case di Sirta e Sostila

Task force a Forcola per limitare i danni. Rogo pericoloso e a meno di cento metri dall’abitato Il sindaco: «Siamo pronti all’eventuale evacuazione»

Un incendio in rapidissima crescita che in pochi minuti ha inghiottito vaste porzioni di bosco minaccia seriamente da questa sera l’abitato di Sirta e quello di Sostila in comune di Forcola. Non è bastato l’allarme lanciato al 115 alle primissime avvisaglie delle fiamme, intorno alle 19, per dare il tempo di frenare un rogo alimentato dal vento caldo che soffiava sulla Bassa Valle e da bosco e sottobosco secchi e sofferenti per settimane di siccità. Sul posto sono intervenuti immediatamente i Vigili del fuoco di Morbegno e si è allertato il sindaco Tiziano Bertoliniinsieme all’amministrazione locale per coordinare ma soprattutto monitorare l’evoluzione delle fiamme che salgono lungo la Val Fabiolo ma scendono anche verso l’abitato di Sirta. L’incendio, di quasi certa origine dolosa, si è sviluppato a mezza costa ma a una distanza di cento metri in linea d’aria dalle case di Sirta, in una zona raggiunta soltanto da una mulattiera che poco sopra la piazza del paese, di fianco alla latteria, sale verso la Val Fabiolo. «La zona è inaccessibile ai mezzi – spiega il sindaco Bertolini – una squadra di vigili del fuoco è salita da questa mulattiera, un’altra cerca di aggirarla da quella che sale verso il maggengo di Lavisolo che poi si dirige in Val Fabiolo e sicuramente serviranno rinforzi. L’elicottero non può operare nelle ore notturne e la situazione viene monitorata ormai minuto per minuto. Il rischio è potenziale ma non lontano per le abitazioni tanto che stiamo in costante allerta nel caso si renda necessaria l’evacuazione». I Vigili del fuoco insieme all’anticendio boschivo hanno posizionato i mezzi a protezione dell’abitato, dopo aver constatato che le fiamme erano ulteriormente scese su Sirta e salite per due chilometri verso Sostila, in Val Fabiolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA