Start up, non solo giovani  «Spesso una nuova vita»
ComoNext: molte start up vengono fondate da persone con anni di esperienza in altri ambiti

Start up, non solo giovani

«Spesso una nuova vita»

Il caso di Giulio Cesareo, fondatore di Directa Plus, citato a livello nazionale. Ma c’è anche il record di 82 anni a ComoNext

La start up? Spesso è una seconda vita.

Le nuove imprese non affare solo per giovani è un tema analizzato ieri dal Sole24Ore sulla base di studi nazionali: che evidenziano come il 44% di chi ha avviato un’azienda abbia da 36 a 50 anni. E cita tra i casi proprio uno comasco: quello di Directa Plus, la ormai ex start up nel segno del grafene e delle nanotecnologie fondata da Giulio Cesareo, classe ’55. Un’azienda accolta a Comonext. Nell’area di Lomazzo, un terzo di neo imprenditori non è rappresentato appunto da giovanissimi. Con un record: quello di un candidato che ha superato gli 80 anni.

La presidente del Parco scientifico tecnologico di Lomazzo, Annarita Polacchini, lo sottolinea: «Le idee buone, di valore, non hanno età. E non è mai troppo tardi per realizzarle».

La scintilla di Directa Plus sta divampando in molti settori: dalle gomme alle bonifiche ambientali, e recentemente nel tessile attraverso l’accordo con la Colmar. Con un’ulteriore sottolineatura: l’esperto Cesareo ha dato spazio ai giovani (e alle giovani) specializzati. Della serie, chi ha qualche anno in più fonda sì una start up, ma cerca di attirare e coinvolgere le nuove leve.

Una realtà diffusa, a maggior ragione a ComoNext, dove ai bandi si profila sempre una conferma di questa tendenza. A volte con sorpresa. È il caso di Chemical Italia, che ha superato la selezione nel bando camerale. Segno particolare, tra le firme quella di un imprenditore con più di 80 anni, che ha coinvolto appunto i giovani.

Ma c’è anche il caso del “salvatonno”, che sta crescendo a ComoNext: Massimo Casalino, 40 anni, è libero professionista, ma ha voluto fondare un’azienda sua: la Rigam Engineering.

E Jacopo Boschini di Attivamente (impegnato a realizzare corsi in questa direzione) sottolinea: «Oggi c’è voglia di costruirsi un lavoro. Anche quando non lo si è perso».

OGGI SUL GIORNALE LE VOCI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare