Sabato 09 giugno 2012

Lavoro per i giovani
Con i fondi Europei

COMO Per i giovani senza lavoro c'è una nuova possibilità d'inserimento occupazionale che arriva dal Fondo Sociale Europeo e che scade fra venti giorni.
C'è infatti tempo fino al 30 giugno per far domanda ed entrare nel tirocinio d'inserimento finanziato dal Fse attraverso la Regione Lombardia.
L'iniziativa è riservata ai non occupati da almeno sei mesi fra i 18 e i 29 anni d'età e alle imprese che vogliono assumere.
Stabilito l'incontro fra candidati e imprese richiedenti, parte un tirocinio della durata massima di sei mesi: un periodo utile per 'provarsi' reciprocamente e che è possibile interrompere prima, anche dopo pochi giorni, nel caso in cui l'azienda decidesse per l'assunzione.
In quel caso l'azienda sarà premiata con 5.000 euro se il contratto sarà a tempo indeterminato per almeno 30 ore settimanali e con 2.000 per il tempo determinato (almeno 20 ore). Con l'ulteriore vantaggio indotto di utilizzare gli sgravi fiscali statali.
Il bando risale al 28 marzo. A Como l'associazione "Meet", presieduta da Luca Monti, «si mette a disposizione di giovani e imprese - dice Monti - che possono proporsi via email all'indirizzo fsecomo@libero.it».
Noi - aggiunge - siamo in rete con tutti i servizi per il lavoro, che possono fare alla Regione Lombardia la richiesta di dote in cui compare già anche il nome dell'azienda accoppiato a quello del candidato».
Prima della richiesta finale, c'è un match «che  favoriamo raccogliendo le richieste delle aziende».
Attraverso l'associazione Meet, oppure i Centri per l'Impiego o direttamente attraverso la Regione Lombardia si possono raccogliere tutte le informazioni per utilizzare un'opportunità d'inserimento al lavoro per la quale la Regione ha previsto una dote totale di 6 milioni di euro destinata a 3.000 persone.
Chi fosse interessato può scrivere a dotegiovani@regione.lombardia.it o consultare all'indirizzo "http://www.lavoro.regione.lombardia.it)

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola sabato 9 giugno

a.savini

© riproduzione riservata