Irina: «Visti a Desio   i veri canturini»
Un totale del PalaBancoDesio, affollato, a detta della società da 2.500 spettatori (Foto by foto butti)

Irina: «Visti a Desio

i veri canturini»

La presidente sembra voler rinfocolare la polemica accesa nei giorni scorsi con una parte dei tifosi.

Il general manager Toni Cappellari è tornato a parlare della situazione che si è creata a seguito della conferenza stampa di venerdì della presidente Irina Gerasimenko: «Ringrazio chi era presente al palazzetto, queste persone hanno tutta la mia stima: spero che questo numero di appassionati possa crescere ancora. Si è parlato tanto di “canturinità”, prendo atto della scelta fatta dagli Eagles, ma credo che la proprietà venerdì sia stata chiarissima in conferenza stampa e che ci sia poco altro da aggiungere».

Insomma, sembra ancora un muro contro muro: «Ma io vorrei sottolineare il gesto della squadra. A fine partita, il primo pensiero dei giocatori è stato uscire dal palazzetto, ancora con la maglietta sudata, per andare ad abbracciare i tifosi. Mi pare un gran bel segnale, è un gesto che gli Eagles avranno certamente apprezzato: la nostra speranza è che questa frattura si possa ricomporre».

Azzardato tuttavia supporlo dopo che ieri Irina Gerasimenko, tramite un comunicato diffuso dal club, ha tenuto a ringraziare « i nostri tifosi per essere venuti e per essere stati al fianco dei giocatori. Ieri sera (sabato, ndr), al PalaBancoDesio, si sono visti i veri canturini. Grazie e forza Cantù!». Ora, a meno che non intendesse il palazzo in senso lato comprendendo anche chi stava all’esterno, possiamo immaginare anche la reazione di chi, tifoso di Cantù da una vita, nell’occasione ha preferito disertare gli spalti esprimendo in questo modo il proprio legittimo dissenso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA