Cantù blindata   Sette blocchi  per il Mercoledrink

Cantù blindata

Sette blocchi

per il Mercoledrink

Non ci saranno i new jersey in cemento, ma chiuderanno le strade con i mezzi della protezione civile

Al posto dei blocchi new jersey in cemento, visti a Milano o a Roma, i mezzi della protezione civile di Cantù, parcheggiati di traverso in sette punti a tutela di piazza Garibaldi e dintorni.

A sbarrare la strada, dopo l’attentato di Barcellona, a qualsiasi ipotetico terrorista intenzionato a lanciarsi sulla folla con un furgone o un’auto: evento, in teoria, parecchio improbabile e scongiurato da chiunque, ma che non si può ormai del tutto escludere in nessun angolo d’Occidente, nemmeno in Brianza.

La zona rossa attorno a piazza Garibaldi, in città, si è quindi stretta, per circoscrivere l’area del Mercoledrink, l’appuntamento settimanale di richiamo per centinaia e migliaia di giovani. Ci saranno sette blocchi per impedire alle auto di eventuali attentatori di passare.

A fine serata, è il sindaco Edgardo Arosio, Lega Nord, a fare il punto della situazione. «Abbiamo dato l’indirizzo alla polizia locale per una maggior tutela della sicurezza: posizioneremo come blocchi i mezzi della protezione civile». Si è valutata anche la possibilità di sospendere, in qualche modo, il mercoledrink. «Vietare sarebbe stato forse più facile, ma di solito preferisco trovare una cura, un rimedio».

Due pagine di approfondimento sul quotidiano La Provincia in edicola mercoledì 23 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA