Cantù reagisce ai furti  Sarà l’anno delle telecamere
Le telecamere leggitarga che arriveranno a Cantù (Foto by Stefano Bartesaghi)

Cantù reagisce ai furti

Sarà l’anno delle telecamere

Confermato l’arrivo a primavera di quattro varchi che leggeranno le targhe. Possibile seguire in tempo reale le auto sospette o rubate: un deterrente per i ladri

Il 2017 vedrà sbocciare, a primavera, i guardiani elettronici alle porte di Cantù. Utili anche contro i furti negli appartamenti. Il quadro è ora definitivo: l’assenso arrivato dall’amministrazione provinciale, per quanto riguarda la postazione di Cantù Asnago, su strada di competenza extracomunale, permette di confermare la mappa ipotizzata dal Comune sul progetto fiore all’occhiello in tema di sicurezza.

Ovvero, i quattro varchi all’ingresso e all’uscita della città, con le telecamere in grado di leggere all’istante, in entrambe le direzioni, le targhe di auto rubate e non in regola con assicurazioni e revisioni. Progetto che vedrà la luce, secondo le previsioni attuali, in primavera.

La conferma arriva in queste ore dall’assessore alla legalità Paolo Cattaneo. «Se è arrivato l’assenso della Provincia all’installazione del varco a Cantù Asnago? Sì, c’è».  Quindi, non ci sarà necessità di ripiegare su via Giovanni XXIII, che sarebbe stata comunque un’alternativa più che degna, visto anche il progetto di ampliamento in corso sul vicino palazzetto Pianella di Cucciago.

Le porte, oltre quindi a via Mameli a Cantù Asnago, saranno via Como, via per Alzate a Fecchio e viale Lombardia a Mirabello. Il bando di gara potrebbe essere disponibile già fra non molto.

Altri dettagli sul giornale in edicola sabato 7 gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (4) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
GIUSEPPE GENCO scrive: 08-01-2017 - 10:11h
Telecamere ... Frontiere ... " Pronto " intervento di personale demotivato e sottopagato .... Tutte illusioni ... Soluzioni semplici a problemi complessi che non possono che passare da un radicale mutamento della cultura e dei comportamenti in voga nella nostra società ...
stefano franchi scrive: 08-01-2017 - 09:47h
alleluia dopo 3 anni di furti giornalieri qualcosa si muove. naturalmente dovremo aspettare la primavera e poi sicuramente qualche altro inevitabile ritardo. quindi i signori ladri hanno tempo ancora alcuni mesi per fare il loro dovere viva la burocrazia!
J B scrive: 08-01-2017 - 08:09h
Concordo con Sergio: spendere un sacco di soldi per mettere le telecamere se poi dopo non c'e' nessuno che materialmente controlla le infrazioni e che fa rispettare la pena conseguente, sono soldi completamente sprecati. Se i poliziotti, i vigili e i carabinieri sono 2 per tutta Cantu', a cosa serve mettere le telecamere? Se poi lavorano come quelli di Monza che, su mia denuncia di furto con scasso con testimone e mia richiesta di andare a chiedere al testimone per l'identikit, la risposta e' stata: "lei si faccia gli affari suoi"... beh, allora le telecamere si possono anche non mettere!
Sergio M scrive: 07-01-2017 - 08:18h
Non voglio essere disfattista ma se alle telecamere non fanno seguito nutrite pattuglie di "pronto intervento" serviranno a poco o peggio ingrasseranno solo gli appaltatori.