Morto in moto contro la cancellata  «Diego tradito dalla sua passione»
I rilievi sul luogo dell’incidente, con la moto contro la cancellata

Morto in moto contro la cancellata

«Diego tradito dalla sua passione»

Cordoglio ad Arosio per l’uomo di 37 anni vittima del violento urto a Lipomo

Messaggio del parroco durante la messa della festa patronale. Lunedì pomeriggio i funerali

La moto era una delle sue grandi passioni. E proprio con la motocicletta, Diego Genco, ha trovato la morte, mentre da Como stava tornando ad Arosio. L’appuntamento con il destino per l’arosiano (37 anni) era ad una curva, vicino a via Fornace a Lipomo.

Giovedì sera poco dopo le 19.30, con la caduta fatale dalla sella della sua Ducati di grossa cilindrata e il tragico volo, concluso contro un cancello. Gli automobilisti di passaggio, hanno subito lanciato l’allarme ma lo sfortunato centauro non ce l’ha fatta ed è spirato in ospedale: troppo violento l’impatto contro la cancellata.

La notizia della tragica scomparsa è piombata ad Arosio nella mattinata di ieri. In un giorno particolare, quello dei patroni Nazaro e Celso. Diego era molto conosciuto, anche per l’attività del padre Michele, che per anni ha gestito un negozio di foto-ottica.

Il parroco don Angelo Perego ha avvisato la popolazione, durante la messa delle ore 9 del mattino, celebrata in onore dei santi patroni. «Diego è stato tradito dalla sua passione per la moto» hanno detto alcuni amici. I funerali si svolgeranno lunedì pomeriggio nella chiesa parrocchiale dei santi Nazaro e Celso. Ancora da stabilire l’orario di inizio della cerimonia.

Altri ricordi del motociclista sul giornale in edicola sabato 19 luglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA