Scippata al cimitero di Vighizzolo  «Un pugno in testa, poi i calci»
L’ingresso del cimitero di Vighizzolo, in via Monte Nero

Scippata al cimitero di Vighizzolo

«Un pugno in testa, poi i calci»

Drammatico episodio domenica all’esterno: la donna, 59 anni, è finita per terra. Il caso denunciato alla polizia locale. Lapenna: «Il Comune deve controllare di più le frazioni»

Un pugno in testa. Per stordirla e per poterle prendere la borsa. E poi, una volta a terra, un calcio. Uno scippo violento, consumato all’esterno del cimitero di Vighizzolo. La vittima, una donna, 59anni, domenica è stata costretta alle cure mediche del 118. Ora la caccia allo scippatore, che potrebbe avere le ore contate. Dalla polizia locale, intervenuta sul posto, potrebbero arrivare delle novità nei prossimi giorni.

Nel contempo, anche i Carabinieri di Cantù sono stati allertati per le indagini. Intanto il consigliere comunale di maggioranza Andrea Lapenna, Forza Italia, insorge: a sua detta, la periferia è sguarnita di agenti. E nelle frazioni, come Vighizzolo, dice Lapenna, servirebbe più sicurezza.

Altri dettagli sul giornale in edicola martedì 24 ottobre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA