Abbattuto dai vandali  l’autovelox a San Fermo
L’autovelox “decapitato” in via Ravona

Abbattuto dai vandali

l’autovelox a San Fermo

La parte superiore è stata staccata e buttata nei rovi. Aveva iniziato a dare multe

Vandalizzato e gettato a bordo strada, il velobox di via Ravona per la terza volta viene preso di mira nella speranza che non funzioni più.

L’apparecchio che registra le velocità, e che da qualche settimana può anche fare le multe se presidiato dagli agenti della Polizia locale, è stato nuovamente preso di mira da qualche incivile nella notte di ieri. Alla mattina presto, passando da via Ravona lo si trovava mozzo, la parte superiore è stata tolta e buttata nei rovi a bordo strada.

Questo è il terzo danneggiamento da quanto è stata installata l’apparecchiatura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (20) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Spettro76
† Spettro † scrive: 15-07-2017 - 00:44h
Autovelox? Sono contenitori di plastica... Gli avete mai guardati bene?... Ecco provate, sono vuoti, servono per predisporre all'interno il velox, ma per la maggior parte dell'anno sono vuoti
J B scrive: 14-07-2017 - 20:39h
Emanuele, a volte dipende anche dalle condizioni dell'asfalto. Non hanno i soldi per rifarlo, è in condizioni pietose quindi la soluzione è.... abbassare il limite! Assurdo ma è così. Siamo in Italia, la repubblica delle banane
emanuele rosapinta scrive: 14-07-2017 - 16:27h
JB hai ragione, ma solo in parte... Altrimenti come spiegheresti certi abbassamenti di limite su strade prive di intersezioni, quali la SS35 o la SS36? Talvolta autovelox e limiti sono aspetti della leva fiscale.
J B scrive: 14-07-2017 - 14:45h
Il limite di velocità non dipende dalla percezione che uno ha guidando, o dai cavalli che hai nel motore, o dalla fretta che uno ha, o dal fatto che la strada la conosci a memoria. Dipende dalla presenza di strade laterali, incroci, case, marciapiedi, pedoni, cancelli, bambini, scuole, ospedali, incroci pericolosi, curve ecc ecc. A volte può sembrare che i 50 o i 70 siano troppo poco. Ma se c'è quel limite un motivo c'è: per evitare incidenti, feriti e morti. Ma l'italiano questa cosa non la capisce. Per fortuna non ho più l'auto. Quanti problemi in meno! E quanti soldi in più in tasca!
Vedi tutti i commenti