Battello al posto dell’auto? C’è lo sconto

Battello al posto dell’auto? C’è lo sconto

A giorni la firma dell’accordo con il Comune: agevolazioni a tutti i residenti

Basta presentare un documento. «Per ridurre lo smog e valorizzare il lago»

Per una volta non parliamo di aumenti tariffari, ma di sconti. Il Comune sta infatti per siglare un accordo con la Navigazione che prevede agevolazioni sull’acquisto di biglietti per battelli e aliscafi destinate alle persone che risiedono nel capoluogo.

La promozione prevede l’applicazione di riduzioni pari circa al 20% sui biglietti ordinari e quelli di “libera circolazione” (validi un giorno intero). Il progetto è stato illustrato al Comune dal direttore di esercizio Salvatore Vitulano e vuole rappresentare «un incentivo all’utilizzo del servizio pubblico di navigazione di linea, come mezzo integrato o alternativo alla viabilità stradale, spesso congestionata, contribuendo così a ridurre l’inquinamento ambientale e il sovraffollamento dei parcheggi cittadini e inoltre può essere da stimolo per conoscere e valorizzare il territorio del lago con panorami e punti di vista ineguagliabili e irraggiungibili dalla strada».

Per ottenere lo sconto i viaggiatori non dovranno far altro che presentare un documento di identità che attesti la residenza.

Per i biglietti ordinari di corsa semplice si applicherà a tutti i residenti la cosiddetta tariffa “1.20”, quella finora riservata ad anziani e comitive.

I prezzi variano a seconda della lunghezza del tragitto: per la tratta più breve (numero 1) non si pagheranno più 2,50 euro ma 2 euro, la tariffa scende anche per tutte le altre tratte.

Passando ai biglietti di libera circolazione, si applicherà la cosiddetta tariffa “3.20”. L’entità degli sconti è analoga: per la tratta più breve si scende da 6,90 a 5,50 euro, per la numero due si pagheranno 7,90 e non più 9,90 euro e così di seguito fino ad arrivare al tragitto più lungo (in questo caso il biglietto valido tutta la giornata passa da 28 a 22,40 euro).

Tutti i dettagli sul numero de “La Provincia” in edicola giovedì 31 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA