Fino, tassa rifiuti giù del 25%  Ma uno su dieci ancora non la paga
Le code nell’ufficio per la consegna dei kit di raccolta differenziata

Fino, tassa rifiuti giù del 25%

Ma uno su dieci ancora non la paga

Grazie al nuovo appalto condiviso con altri Comuni ridotte le spese di gestione. Il sindaco: «Nonostante gli sconti è difficile abbattere la soglia ormai fisiologica di evasione»

La Tari quest’anno a Fino Mornasco costa il 25% in meno, ma in paese un contribuente su dieci non la paga. Grazie al nuovo appalto della gestione rifiuti, che è stato firmato con altri Comuni confinanti, garantendo così migliori economie di scala, i cittadini finesi quest’anno, alla seconda scadenza del 16 di novembre, hanno pagato una Tari molto più leggera, mediamente del 25% rispetto al 2016.

Vuol dire che una famiglia classica composta da quattro persone con una casa , di circa cento metri quadrati, nel 2016 per i rifiuti ha versato esattamente 255 euro, quest’anno invece il conto si è fermato a 193 euro.

Intanto in merito ai conti dell’anno scorso nel 2016 il 10% dei finesi aveva evaso la Tari. «Credo che quella percentuale di evasione sia in parte fisiologica – commenta il sindaco con delega al Bilancio Giuseppe Napoli – e in parte recuperabile. Perché ci sono i ritardatari, le dimenticanze, le oggettive difficoltà da rateizzare. La diminuzione del 25% della Tari invece purtroppo non diminuirà il tasso di evasione».

Altri dati e approfondimenti sul giornale in edicola domenica 19 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA