Frontale a Blevio, muore artigiano di Bellagio
Blevio incidente mortale in via Caronti (Foto by Carlo Pozzoni)

Frontale a Blevio, muore artigiano di Bellagio

Frontale domenica alle 19 sulla Lariana subito dopo le gallerie. Il morto aveva 33 anni. Ferita una coppia di Pognana: marito e moglie sono fuori pericolo

Tragico incidente nel tardo pomeriggio di domenica sulla statale Lariana a Blevio, subito dopo le gallerie. Per cause in corso di accertamento intorno alle 19 si sono scontrate frontalmente due auto, una Polo e una Ford Fiesta. Pesantissimo il bilancio: è morto il conducente della Polo, Giuseppe Rota, artigiano di 33 anni residente Bellagio e fino a poco tempo fa domiciliato a Oliveto Lario. Sull’altra auto viaggiava una coppia di Pognana Lario, lui di 54 anni, lei di 45. I due sono rimasti incastrati in auto e sono rimasti feriti, ma sono fuori pericolo.

Blevio incidente mortale in via Caronti

Blevio incidente mortale in via Caronti
(Foto by Carlo Pozzoni)

Il conducente della Polo, che viaggiava in direzione Bellagio, è parso subito gravissimo. Il personale del 118 lo ha rianimato sul posto per tre quarti d’ora. Purtroppo inutilmente. Sono intervenuti i vigili del fuoco, i carabinieri e i mezzi del 118 due ambulanze della Croce azzurra di Como e una del Sos di Olgiate. L’uomo è stato portato al Pronto soccorso del valduce ma era ormai deceduto.

La strada è rimasta chiusa a lungo per le operazioni di soccorso, rilievo e rimozione dei veicoli.

«La strada è pericolosissima -, dicono i residenti, sono anni che denunciamo la situazione e nessuno ha fatto niente - Adesso c’è stato questo incidente gravissimo».

Blevio incidente mortale in via Caronti

Blevio incidente mortale in via Caronti
(Foto by Carlo Pozzoni)

Blevio incidente mortale in via Caronti

Blevio incidente mortale in via Caronti
(Foto by Carlo Pozzoni)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (5) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Fohen Fohen scrive: 15-02-2016 - 17:41h
Se fosse come dice lei, Sig. Lacchini, TUTTE le auto sbanderebbero. E' ora di finirla di dare sempre la responsabilità al fato o agli altri
ulCarlett
ul Carlett dei cavrètt de Piazza scrive: 15-02-2016 - 16:43h
Risolvessero il problema sarebbe un miracolo. Mi ricordo che già 40 anni fa l'asfalto dopo la pioggia diventava una strada saponata, ma credo che in 40 anni avranno anche riasfaltato, o no? E se sì da che dipende la scivolosità della carreggiata? Che mi fa specie però è che le persone coinvolte siano del luogo, voglio dire, dovrebbero ben conoscere le insidie di quel tratto di strada, io lo affronto sempre con cautela dopo la pioggia. Mah a volte il destino, forse.
Lorenzo T scrive: 15-02-2016 - 16:24h
Se l'asfalto è scivoloso si deve intervenire, ma anche la velocità può influenzare molto la perdita di aderenza con conseguenze ovviamente più gravi.
MaxZeta
Max Zeta scrive: 15-02-2016 - 16:22h
Primo : per quanto la cronaca ci toglie sensibilità rimango sempre affranto quando penso che un ragazzo così giovane non c'è più benchè le auto d'oggi sembrino estremamente sicure.
Vivo sulla lariana e pur non avendo idea del perchè quel tratto sia così pericoloso e viscido non posso fare altro che aggiungermi a chi chiede un intervento.
L'unica cosa che mi sento di aggiungere , però , è che un incidente passa da "ho bozzato la macchina" al celebrare un funerale quasi solo per la violenza d'impatto.
Considerando che quella strada è frequentata da migliaia di auto all'anno e che non permette folli velocità , mi chiedo come mai i casi siano comunque così pochi se l'asfalto ne è la causa.
Tu Davide Lacchini hai un'idea reale degli incidenti annuali che avvengono in quel tratto ? 10 ? 100?
Vedi tutti i commenti