La mensa non è a km zero  A Casnate pasti da Milano
L’assemblea di martedì sera con i genitori degli scolari

La mensa non è a km zero

A Casnate pasti da Milano

Presentato il nuovo servizio di refezione scolastica, con il centro cottura a Bollate: «Ma i piatti arrivano comunque caldi e sterilizzati»

È stato presentato martedì sera in municipio il nuovo gestore della mensa scolastica per la primaria di Casnate con Bernate. L’azienda, che prende il posto di Aclichef in carica fino allo scorso giugno, si chiama Serenissima Ristorazione e ha la sua sede centrale a Vicenza.

All’assemblea pubblica sono intervenute due rappresentanti della ditta insieme l’assessore all’Istruzione Carmine Mussari che ha introdotto e condotto la serata.

«La nostra è un’azienda con circa 7.000 dipendenti – ha detto Michela Liccese del reparto commerciale - e, ogni giorno, prepariamo 4.000 pasti per le scuole di Bollate, dove abbiamo il nostro centro preparazione, e anche per altri istituiti».

Ma come opera, in concreto, Serenissima lo ha spiegato la direttrice del centro Anna Discorde che è anche dietologa e tecnologa alimentare: «Il menù che proponiamo segue le direttive dell’Asl della Lombardia – ha detto -, ma nulla osta che ci si possa accordare per qualche modifica che vorrete inserire».

«Inoltre i nostri cuochi che cominciano a preparare alle 5.30 del mattino, approntano giornalmente le pietanze. Ma in caso di problemi alla sede di Bollate, possiamo sempre appoggiarci alle cucine dell’International School che si trova proprio a cinque minuti dalla scuola di Casnate».

Comunque, hanno spiegato le responsabili dell’azienda, «da Bollate a qui ci vogliono circa venti minuti e i pasti, grazie a un sistema di confezionamento al alto livello di tecnologia, arrivano caldi e sterilizzati».

Sulla bontà dei cibi sembra esserci unanime consenso: «Il servizio è partito il primo giorno di scuola – dice la responsabile di plesso Marina Comolli – e vediamo che i bambini gradiscono», commento confermato anche da più di una mamma in platea.

Sul giornale in edicola giovedì 5 ottobre altri dettagli su tariffe e pagamenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA