Pedemontana, a rischio settanta operai dopo lo stop ai finanziamenti
L’inizio del cantiere tra Lazzate e Rovellasca

Pedemontana, a rischio settanta operai dopo lo stop ai finanziamenti

Manca il finanziamento per la tratta B2, la strada si ferma a Lentate

I sindacati: «I lavori continuano, anche se a rilento»

Manca il finanziamento per la tratta B2, la Pedemontana si arresta a Lentate sul Seveso e ci sono concreti timori per i dipendenti delle aziende appaltatrici.

Cinquantuno operai specializzati e 17 amministrativi probabilmente perderanno il lavoro nel medio periodo, una quindicina di loro lo perderà entro metà marzo. Sono dipendenti di Strabag, il colosso nel settore delle costruzioni che guida il consorzio Nuova Briantea, e sono coloro che hanno realizzato le tratte B0 e B1 di Pedemontana (il maxi svincolo di Lomazzo e la tratta da Lomazzo a Lentate).

L’accordo per il licenziamento è già stato discusso con i sindacati. Il documento sarà firmato a giorni e prevede una clausola estensiva rispetto ai termini di legge: «È previsto di riassumere le stesse persone se i lavori dovessero riprendere entro sei mesi, abbiamo portato il limite a un anno e i rappresentanti di Strabag sono stati lieti di farlo», dice Fabrizio Cavalli di Cgil.

Per il momento è previsto il licenziamento iniziale del 20% del personale: si tratta di una quindicina di persone tra operai e amministrativi. Provengono per la maggior parte dall’Italia centro-meridionale e hanno contratti a tempo legati al completamento dell’opera.

«L’appalto per i lotti successivi della Pedemontana è stato affidato ma non c’è traccia del finanziamento - conclude Cavalli - Così nessuno può proseguire».

Nel frattempo, il consorzio di imprese Nuova Briantea, titolare dell’appalto, inizierà a licenziare una quindicina di operai entro un paio di settimane.

I sindaci temono che il blocco interessi anche alla bretella della Bassa, l’opera connessa al tracciato principale che più interessa al nostro territorio. Sono però gli stessi sindacati, questa volta, a dare una parziale rassicurazione almeno su un aspetto: la TrCo11, questo il nome che identifica la bretella nei progetti, dovrebbe essere completata, seppure a rilento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (8) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
alessandro gnamby scrive: 25-02-2016 - 17:50h
ho la soluzione: finanziamola con i soldi pubblici, così i lavori ripartono. Poi quando è finita la facciamo pagare ancora con i pedaggi moderni, computerizzati da equilatalia
Giacomo verdi scrive: 25-02-2016 - 13:17h
Ca Bass sulla Milano Meda temo che purtroppo tu abbia ragione!!
Spettro 76 scrive: 25-02-2016 - 12:24h
Dovrebbero licenziarsi loro che hanno fatto una ladrata infame.
Mario Pana scrive: 25-02-2016 - 09:50h
Accidenti, come faremo se si fermano i lavori? Senza i nuovi segmenti di Pedemontana?! La usiamo tanto che ormai non possiamo più farne a meno. Anzi, direi che ci siamo proprio affezionati a questa stra'NDRA.
Vedi tutti i commenti