Stereo a “palla” e velocità folle  Fermato  di notte in città murata
COMO L’uomo è stato fermato l’altra notte in centro a bordo di un veicolo con targa ticinese

Stereo a “palla” e velocità folle

Fermato di notte in città murata

La polizia locale lo blocca su un’Alfa in via Vittorio Emanuele Portato al comando aggredisce gli agenti per impedire il fermo dell’auto

Un trentenne residente a Montano Lucino è stato fermato da una pattuglia della polizia locale in via Vittorio Emanuele, al volante di un’Alfa Romeo sulla quale viaggiava anche un suo amico, attorno all’una dell’altra notte. Dopo essere stato accompagnato al comando di viale Innocenzo per una serie di accertamenti e per la compilazione degli atti inerenti una denuncia per guida in stato di ebbrezza (non solo correva molto forte tenendo lo stereo a tutto volume ma a quanto pare è risultato ampiamente positivo anche al test dell’etilometro), il trentenne ha dato improvvisamente in escandescenza, fino a costringere la polizia locale ad arrestarlo per resistenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (10) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Emilio Beretta scrive: 14-08-2017 - 18:17h
Ma non lo sapete che ci vogliono almeno 125 dBm di Hunz... Hunz... per stimolare i 4 neuroni superstiti del GEGNO alla guida per permettergli di coordinare masticazione chewing gum, accelleratore e volante? Pretendete poi che si renda conto di essere in ZTL e addirittura rispettare i limiti? Ma dove vivete? Nel Ticino (CH) ?
bobo 55 scrive: 14-08-2017 - 09:08h
@31385 31385..... spero che come FENOMENO...non faccia riferimento a @cabass....quello è unico... cioè fatemi capire...se esportate un tipo del genere ....e questo ritorna al suo paesello.....e fa danni.... la colpa è del Ticino... @ cabass come disse il mitico ... Totò..... ma mi faccia il piacere
Ca Bass scrive: 13-08-2017 - 19:24h
@Gianni il Comasco: sì, ok, ma è interessante constatare quanti balordi e mascalzoni italiani girino con auto ticinesi e/o vivano o fingano di vivere di là... Significa che il Ticino è un ambiente a loro congeniale!
31385 31385 scrive: 13-08-2017 - 18:46h
Ma veramente esistono ancora fenomeni così? Li pensavo estinti.
Vedi tutti i commenti