Tavernerio e l’allarme per i ponti  L’assessore: «Non sono a rischio»
Il ponte sul torrente Cosia di via Vittorio Veneto: qui si verificò la tragica esondazione del 1951

Tavernerio e l’allarme per i ponti

L’assessore: «Non sono a rischio»

La minoranza chiede chiarimenti sulla situazione delle strutture in centro e non solo

Paese esteso tra più vallate, percorso da fiumi e torrenti e costellato di ponti.

Proprio questi ultimi, non certo di recente costruzione, destano preoccupazione, tanto da spingere la minoranza a chiedere controlli e monitoraggi.

La questione è emersa nel corso dell’ultimo consiglio comunale, alla fine del quale il gruppo di opposizione ha presentato un’interrogazione al sindaco, Mirko Paulon, e all’assessore ai lavori pubblici, Paolo Lazzaroni.

In primo luogo il quadro dei ponti presenti in paese, soprattutto di quelli maggiormente utilizzati e trafficati.

Quello che nell’immaginario collettivo e nella storia del paese rappresenta una ferita aperta è lo storico ponte di via Vittorio Veneto, in pieno centro storico.

I dettagli su La Provincia in edicola martedì 10 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA