Como, reperti dagli scavi  Il progetto per piazza Grimoldi cambia
Como cantier di piazza Grimoldi visto dall'alto (Foto by Carlo Pozzoni)

Como, reperti dagli scavi
Il progetto per piazza Grimoldi cambia

Nuovo sopralluogo della Soprintendenza mercoledì pomeriggio

Funzionari della Soprintendenza hanno effettuato mercoledì pomeriggio un sopralluogo in piazza Grimoldi. Nell’area, a seguito dell’avvio dei lavori per la riqualificazione della piazza, sono stati rinvenuti alcuni tratti di pavimentazione e di muratura ragionevolmente medioevali. È possibile che i reperti siano da collegare all’antica chiesa di San Giacomo e proprio per approfondire tale ipotesi è stato deciso di proseguire con gli scavi e di effettuare tutte le rilevazioni necessarie. Nel frattempo i lavori del cantiere procedono nelle aree non interessate dai ritrovamenti.

«Per quanto riguarda il progetto - spiega il responsabile del procedimento, il dirigente comunale Giuseppe Cosenza - la modifica non riguarderà la sua composizione ma eventualmente il posizionamento di fontana e piante. Si sta valutando, inoltre, l’opportunità di valorizzare gli elementi rinvenuti attraverso una diversa composizione della pavimentazione. Con la Soprintendenza stiamo procedendo in pieno accordo ed è già stato deciso che concluse le dovute analisi si potrà procedere con il reinterro dei reperti».

La Soprintendenza tornerà a metà mese per un sopralluogo finale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (6) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
mister Costingo scrive: 05-02-2016 - 10:56h
non va bene, ma scusa le paratie rimaste lì??? Che vergogna!
dimensionecore90.4753751731
Tommy Maximilien Robespierre scrive: 04-02-2016 - 17:39h
ohh non scavate troppo che viene su il lago!!!
franca bombelli scrive: 04-02-2016 - 11:32h
reperti neolitici, paleocristiani, neo industriali, attuali: `como e' un reperto a cielo aperto
Stefano Como scrive: 04-02-2016 - 08:59h
Il dirigente comunale potrebbe anche far sapere alla sudditanza, volevo dire cittadinanza, quanto costeranno le analisi e le modifiche ai progetti? Se è vero che era ben noto agli esperti il fatto che in quel punto ci fossero i reperti della chiesa di San Giacomo, perché il Comune non lo sapeva?
Vedi tutti i commenti