Da Como in Norvegia per costruire ponti Arianna oggi si racconta in tv

Da Como in Norvegia per costruire ponti
Arianna oggi si racconta in tv

Giovane ingegnere comasca da due anni si è trasferita in Nord Europa per un progetto senza precedenti. Si tratta dell’attraversamento di un fiordo con una struttura sommersa e galleggiante

Como

La città che esporta talenti evidenziata da un recente studio della Camera di Commercio di Monza si fregia di un altro nome d’eccellenza. Lei è Arianna Minoretti, 37 anni, ingegnere civile che dopo un promettente inizio di carriera sul territorio due anni fa ha accettato un’offerta di lavoro del governo norvegese ed è entrata a far parte di un team che sta progettando una serie di ponti sui fiordi, fra cui uno sommerso galleggiante, un’opera unica al mondo.

Arianna Minoretti sarà ospite oggi alle 15.05 su Rai3 di “Kilimangiaro”, il programma condotto da Camila Raznovich: racconterà la sua avventura tra i fiordi, la vita nella città di Oslo e le opportunità di lavoro per i giovani in Scandinavia.

In cosa consiste il progetto a cui lavora? «La E39 è una strada europea che risale la costa norvegese da Kristiansand a Trondheim. Attualmente presenta otto linee di traghetto, che il governo norvegese vorrebbe sostituire con collegamenti fissi. Alcuni dei fiordi che devono essere attraversati però presentano sfide non indifferenti, sia per la forza degli agenti atmosferici, sia per le dimensioni con profondità notevoli che non permettono di realizzare pile in alveo, se non galleggianti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (1) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Emi Irishman scrive: 10-01-2016 - 20:47h
Complimenti! Lassù le cose le iniziano e le concludono senza tanti bla bla bla o pedaggi modello Pedemontana. In Norvegia ci sono stato e seppure da turista devo dire che è un paese avanti mille anni al nostro e una cultura e senso civico lontani anni luce da questo povero paesucolo che è l'Italia. Corruzione zero servizi a gogo e gente pure simpatica alla faccia dei freddi nordici.