Droga sui banchi di scuola   Un ragazzo su tre ha fumato spinelli
Uno dei tanti sequestri in provincia di Como

Droga sui banchi di scuola

Un ragazzo su tre ha fumato spinelli

Suscita preoccupazione anche l’aumento del consumo di sostanze alcoliche,

Como

Un minorenne su tre ha fumato, almeno una volta, uno spinello. E, secondo gli ultimi dati, la nostra nazione è il secondo paese (dopo la Francia) per utilizzo di cannabis tra i ragazzi di età compresa fra i 15 e i 16 anni. E siamo ai primi posti anche per le nuove sostanze psicoattive.

L’altro ieri, il fatto di cronaca raccontato sulle pagine del giornale: in cambio di hascisc e di qualche contante alcuni ragazzini, tutti con meno di 18 anni, avevano accettato di vestire i panni dei pusher. L’episodio accende la luce sul rapporto fra i minorenni e le sostanze stupefacenti, in particolare le cosiddette “droghe leggere”: Espad, il progetto europeo d’indagini sulle droghe, da questo punto di vista porta un dato significativo: un report condotto nelle scuole parla di un 30% di ragazzi fra i 15 e i 19 anni che ha provato almeno una volta a fumare una canna.

La ricerca e l’articolo completo su La Provincia in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (10) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
MaxZeta
Max Zeta scrive: 19-05-2017 - 16:13h
Robert e Francesco : Premessa che il "minorenne" non dovrebbe fumare nulla, bere acqua, mangiare sano e fare sport ! E sulla teoria tutti d'accordo ... visto che la realtà è un'altra dobbiamo affrontarla: la repressione non mi pare abbia funzionato ( frequentata la Magistri negli anni 90 , fumavano di tutto l'80% dei ragazzi ) .. Bere una lattina di birra o la stessa quantità di vodka di contrabbando è molto diverso . Fumare una canna con poco THC e senza sostanze aggiunte è molto diverso che fumare una schifezza con elevato THC o aggiunta di cannabinoidi artificiali. Il punto è che la droga leggera il ragazzo se la compra per strada senza controlli. E questo aggiunge un grave rischio oltre all'abuso di cui giustamente avete parlato
Robert Spungiròò scrive: 19-05-2017 - 10:19h
@ Francesco Pizzala....attento a scrivere certe cose... io tempo fa scrissi un commento molto simile al suo e il solito "mentalmente alternativo" mi ha dato del pirla dicendo che "....ancora nel 2017 crediamo a queste cose... bigotto..." e così via... Io la penso esattamente come Lei: la qual cosa mi conforta e mi convince sempre più a non diventare "moderno"....Saluti!
maxhighlander
maxhighlander scrive: 19-05-2017 - 07:57h
Beh ma è ovvio che le statistiche sono sempre "falsate". Per fortuna c'è chi ce lo ricorda su questo blog...
GIUSEPPE GENCO scrive: 19-05-2017 - 07:06h
Caro Volatore ... Il barista ha come pusher genitori menefreghisti che fanno a gara a dare ai loro figli modelli di vita sbagliati ...
Vedi tutti i commenti