Viadotto riaperto, ma sarà un anno di caos  Il divieto ai camion andrà avanti a lungo
La chicane all’ingresso del viadotto, giudicata troppo stretta da molti automobilisti

Viadotto riaperto, ma sarà un anno di caos

Il divieto ai camion andrà avanti a lungo

Ieri via libera alle auto. Incontro con gli autotrasportatori: 20 giorni di verifiche sul numero dei passaggi . Code per i varchi troppo stretti

Per gli automobilisti il collegamento è stato interamente ripristinato, anche se molti hanno rilevato che la chicane agli ingressi è troppo stretta, benché sia stata collocata in quel modo proprio per evitare l’accesso ai mezzi pesanti. La necessità di rallentare molto ha creato però qualche rallentamento, sia sulla Canturina che sull’Oltrecolle. Le buone notizie, però, finiscono qui. Lunedì sera in consiglio comunale lo stesso sindaco Mario Landriscina ha detto che i tempi per l’intervento definitivo che consentirà il passaggio anche ai mezzi oltre le 7,5 tonnellate saranno tutt’altro che brevi. Il primo cittadino ha detto che il viadotto «resterà vietato ai mezzi pesanti almeno per un anno e sarà un anno di disagio per la città». E ancora: «Un anno in cui lì sopra i camion non potranno circolare e passeranno quindi nelle strade adiacenti ed è un grosso problema». L’iter burocratico da seguire prevede infatti tempistiche molto più lunghe dell’intervento urgente delle scorse settimane. Ieri mattina, intanto, Landriscina ha incontrato a Palazzo Cernezzi le rappresentanze degli autotrasportatori, tra cui Giorgio Colato che ha proposto di istituire il senso unico in via Donatori di Sangue, in modo da evitare i problemi per i mezzi pesanti e rendere il traffico più fluido. Dal Comune è arrivata ieri nel pomeriggio una nota nella quale Landriscina ha dichiarato: «Abbiamo ragionato insieme e condiviso una strategia che ci permetterà di individuare le soluzioni più efficaci. Cominceremo con l’osservazione del traffico in via Donatori di Sangue da parte della Polizia Locale per un periodo di 20 giorni, in modo da capire quanti passano e in quali orari in direzione Lecco e in direzione Varese».

Al termine del monitoraggio verrà convocato, entro la metà di ottobre, un nuovo tavolo con i rappresentanti della categoria in modo da adottare eventuali misure tra cui, appunto, il senso unico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA