Viadotto riaperto, ma sarà un anno di caos  Il divieto ai camion andrà avanti a lungo
La chicane all’ingresso del viadotto, giudicata troppo stretta da molti automobilisti

Viadotto riaperto, ma sarà un anno di caos

Il divieto ai camion andrà avanti a lungo

Ieri via libera alle auto. Incontro con gli autotrasportatori: 20 giorni di verifiche sul numero dei passaggi . Code per i varchi troppo stretti

Per gli automobilisti il collegamento è stato interamente ripristinato, anche se molti hanno rilevato che la chicane agli ingressi è troppo stretta, benché sia stata collocata in quel modo proprio per evitare l’accesso ai mezzi pesanti. La necessità di rallentare molto ha creato però qualche rallentamento, sia sulla Canturina che sull’Oltrecolle. Le buone notizie, però, finiscono qui. Lunedì sera in consiglio comunale lo stesso sindaco Mario Landriscina ha detto che i tempi per l’intervento definitivo che consentirà il passaggio anche ai mezzi oltre le 7,5 tonnellate saranno tutt’altro che brevi. Il primo cittadino ha detto che il viadotto «resterà vietato ai mezzi pesanti almeno per un anno e sarà un anno di disagio per la città». E ancora: «Un anno in cui lì sopra i camion non potranno circolare e passeranno quindi nelle strade adiacenti ed è un grosso problema». L’iter burocratico da seguire prevede infatti tempistiche molto più lunghe dell’intervento urgente delle scorse settimane. Ieri mattina, intanto, Landriscina ha incontrato a Palazzo Cernezzi le rappresentanze degli autotrasportatori, tra cui Giorgio Colato che ha proposto di istituire il senso unico in via Donatori di Sangue, in modo da evitare i problemi per i mezzi pesanti e rendere il traffico più fluido. Dal Comune è arrivata ieri nel pomeriggio una nota nella quale Landriscina ha dichiarato: «Abbiamo ragionato insieme e condiviso una strategia che ci permetterà di individuare le soluzioni più efficaci. Cominceremo con l’osservazione del traffico in via Donatori di Sangue da parte della Polizia Locale per un periodo di 20 giorni, in modo da capire quanti passano e in quali orari in direzione Lecco e in direzione Varese».

Al termine del monitoraggio verrà convocato, entro la metà di ottobre, un nuovo tavolo con i rappresentanti della categoria in modo da adottare eventuali misure tra cui, appunto, il senso unico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (10) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
alessandro ul laghe scrive: 14-09-2017 - 15:28h
non bisogna alzare muri, ma ponti!!! che crollano!!
Carlo B scrive: 13-09-2017 - 19:38h
@robert, nessun crimine, ma alle decine e decine di aziende e attività commerciali che hanno sede nell'area che va da Lora fino ad Erba, che giornalmente ricevono o spediscono merce, questo "trasbordo" che ovviamente ha un bel costo ...chi lo rimborsa?? Se i camion arrivano da Varese o dal Piemonte dovrebbero andare tutti sulla Valassina fino a Lurago per poi ritornare verso Tavernerio?? tutto per non fare un provvisorio senso unico in via Donatori ??? Già che ci siamo potremmo caldeggiare di anticipare l'avvento dei droni .... e vissero tutti felici e contenti
luigi donghi scrive: 13-09-2017 - 18:06h
Nessuno ne parla ma mi permetto di ricordare ai nostri politici e amministratori il grave disagio che sta attraversando la zona di via Madruzza e dintorni, via stretta e da una parte sena marciapiede La situazione era già critica prima del problema ponte dei lavatoi, ma ora è drammatica! !!!! Dalle 17 alle 20 si formano lunghe code dal semaforo di via oltrecolle sino alle caserme. Oltretutto come già più volte segnalato molti automobilisti utilizzano la strettissima via ciapparelli per superare la coda creando gravi situazioni di pericolo! !!!!! Per cortesia se qualcuno può ci dia una mano!!!! GRAZIE
Luca Maccagnan scrive: 13-09-2017 - 17:36h
Se si vuole limitare "TEMPORANEAMENTE" il passaggio di mezzi pesanti è sufficiente una barra che limiti l'altezza (come nei parcheggi dei centri commerciali) Non è una restrizione mirata (poiché potrebbe oggettivamente colpire veicoli idonei come chi porta biciclette sul portapacchi...) ma limiterebbe con certezza l'accesso alle sole automobili e sarebbe di gran lunga meno invasivo dei new jersey...
Vedi tutti i commenti