Virus fuori stagione  Classi semi vuote
I più piccoli sono i pazienti più a rischio

Virus fuori stagione

Classi semi vuote

I pediatri a Como segnalano nell’età dell’infanzia un’epidemia da rhinovirus, che parte da un’infiammazione della laringe e può provocare anche la febbre

Mal di gola e vomito, asili e scuole materne hanno le classi vuote. I pediatri a Como segnalano nell’età dell’infanzia un’epidemia da rhinovirus, che parte da un’infiammazione della laringe e può provocare anche la febbre.

L’Ordine dei medici evidenzia anche il proliferare di malattie virali gastroenteriche che fanno di nuovo salire il termometro. Risultato: scuole deserte e code di mamme e bambini dal dottore e al pronto soccorso.

«Si sta diffondendo una patologia virale gastroenterica - dice Gianluigi Spata, presidente dell’Ordine dei medici di Como - che finisce per colpire anche la popolazione adulta. Sintomi quali vomito e diarrea possono essere accompagnati da febbre elevata. Nel caso occorre sentire il proprio pediatra, di solito si parte con una dieta più attenta e con degli antipiretici, solo se la febbre persiste allora si ricorre all’antibiotico». Gli sbalzi termici però hanno anche facilitato problemi alle alte vie respiratorie, siamo passati da un sole ancora estivo a 17 gradi con molta fretta, anche in questi casi un’infiammazione importante può provocare le prime febbri». Queste sono appunto le prime febbri dall’arrivo dell’autunno. A dicembre invece è attesa la temuta influenza, di solito colpisce dall’Immacolata in poi, a cavallo con il mese di gennaio, riempiendo ambulatori e ospedali. L’anno scorso a gennaio al Sant’Anna si contavano tra i 200 e i 225 accessi al giorno, non tutti erano legati all’influenza, ma di sicuro febbri e problemi respiratori erano in numero consistente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA