Erba, idea per il turismo  La teleferica diventa cabinovia
Il rendering della cabinovia turistica che sfrutterebbe la storica teleferica utilizzata dalla Holcim: è stato realizzato dall’architetto Davide Corti

Erba, idea per il turismo

La teleferica diventa cabinovia

Suggestiva proposta del pubblicitario Emilio Rizzi.«La metto al servizio del consorzio Green Lands. Un modo per riqualificare l’impianto della Cementeria»

Una cabinovia turistica al posto della storica teleferica utilizzata dalla Holcim per trasportare le rocce dalla cava di Pusiano alla cementeria di Merone.

L’idea, molto suggestiva, è del pubblicitario erbese Emilio Rizzi: «Ho coinvolto nel progetto alcuni amici architetti che conoscono bene il territorio - dice - e si sono messi all’opera per realizzare alcuni rendering. L’idea è al servizio dei Comuni riuniti nel consorzio turistico Green Lands, nella speranza che possa interessare anche i nostri rappresentanti in Regione Lombardia».

Rizzi parte da un presupposto: tra Merone, Erba, Eupilio e Pusiano ci sono paesaggi fantastici, ancora poco conosciuti dai turisti che difficilmente vanno oltre il Lago di Como. «Chiunque abiti sul territorio erbese - spiega il pubblicitario - si imbatte tutti i giorni nei tralicci che compongono il tracciato della teleferica utilizzata per decenni dalla cementeria di Merone, per trasportare la marna dalla cava sopra Pusiano». Tramontata l’epoca della cementeria, che ha segnato la storia industriale del territorio, quei tralicci finiranno prima o poi per essere abbattuti.

«Mi sono chiesto allora se non fosse possibile riqualificarli. Al posto della roccia - immagina Rizzi - si potrebbero trasportare turisti, sfruttando lo stesso percorso che da Merone si snoda tra le Gallerane, permette la visione dei laghi di Pusiano e di Alserio, si inerpica sulle colline di Eupilio per arrivare alla cava di marna sopra Pusiano. Parliamo del territorio ritratto da Segantini nei suoi quadri e cantato dal Parini nelle sue poesie». Insomma: le potenzialità turistiche sono infinite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA