Il killer delle castagne  fermato da un insetto
Secondo le previsioni, il 2015 sarà un anno ricco per le castagne (Foto by Archivio)

Il killer delle castagne

fermato da un insetto

Si annuncia un autunno di abbondanza, per i castagneti del Triangolo Lariano. Dopo quattro anni di battaglia, il malefico cinipide, vale a dire l’insetto asiatico che aveva massacrato gli alberi, riducendo ai minimi termini la fruttificazione, è stato sconfitto.

Il merito è di un altro insetto: il torymus, l’imenottero che è il più temibile nemico naturale della cosiddetta vespa del castagno, “arruolato” in forze dalla Comunità montana del Triangolo Lariano.

Il cinipide ha iniziato la sua azione distruttrice nel 2011, e per due anni aveva ridotto ai minimi termini la quantità e la qualità delle castagne nella zona. Per paesi come Caglio e Rezzago le castagne rappresentano una tradizione, ma portano anche parecchio turismo: quindi non era stato di poco conto il danno subito.

Sul giornale in edicola l’articolo completo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA