Frana chiude il valico della Valmara  Giornata di caos per frontalieri e turisti
Il valico è rimasto chiuso fino al tardo pomeriggio per permettere la rimozione di massi e detriti

Frana chiude il valico della Valmara

Giornata di caos per frontalieri e turisti

Alta Valle Intelvi Smottamento in territorio svizzero chiude il collegamento fino al pomeriggio

Ancora allarme smottamenti sul valico di confine della Valmara tra la Valle d’Intelvi e la Valle di Muggio, lungo la strada che porta in Canton Ticino rimasta chiusa ieri dalle primissime ore al tardo pomeriggio.

La frana ha interessato il tratto un chilometro dopo il presidio svizzero di confine in località Ova da Calfarè nel centro abitato di Arogno, su territorio svizzero.

Solo dopo un incessante lavoro dei mezzi di soccorso la strada e il valico sono stati riaperti in entrambi i sensi di marcia. Lo smottamento è stato causato dall’esondazione del Riale , un rigagnolo apparentemente innocuo che con le forti piogge è però in grado di provocare distacchi a monte anche di una certa entità.

Ameno una ventina i metri cubi di materiale scivolati a Valle. L’allarme è scattato all’una di notte.

I dettagli su La Provincia in edicola sabato 12 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA