Il “pirata” di Carlazzo  si presenta dai carabinieri
Il luogo dell’incidente

Il “pirata” di Carlazzo

si presenta dai carabinieri

Nella serata di sabato aveva travolto un pedone sulle strisce

dandosi poi alla fuga con la Golf: ieri si è presentato in caserma

Si è “costituto” l’automobilista che nella serata di sabato aveva travolto un pedone sulle strisce a Piano Porlezza dandosi poi alla fuga. Si tratta di un a giovane residente in Tremezzina, che nella mattinata di eri si è presentato spontaneamente dai carabinieri per raccontare quanto accaduto. Alcuni testimoni presenti sul luogo del sinistro avevano fatto in tempo a individuare l’auto responsabile, una Wolskswagen Golf nera, e anche se non era stato possibile prendere la targa, il modello e il colore del veicolo avrebbero già ristretto di parecchio il campo delle indagini.

Saranno gli inquirenti, una volta accertati i fatti, a stabilire i provvedimenti a carico del ragazzo che sarà quasi certamente denunciato per omissione di soccorso. Circostanza che ancora attende la conferma da parte delle forze dell’ordine.

All’ospedale di Gravedona, intanto, è stato definito il quadro clinico del pedone che è stato travolto: ha riportato la frattura di entrambe le scapole, oltre a una serie di traumi minori; la prognosi, per lui, è di 60 giorni. Nell’immediatezza le sue condizioni erano sembrate ancora più gravi: colpito in pieno dall’auto, era rimasto stordito sull’asfalto e il servizio 118 aveva ritenuto opportuno far decollare anche l’eliambulanza. Nel frattempo erano intervenuti medico e personale della Croce Azzurra, che avevano avuto modo di escludere il pericolo di vita per il paziente, trasportato quindi a bordo dell’ambulanza al Moriggia Pelascini di Gravedona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA