Il santuario di Ossuccio si studia a scuola  Con altri nove siti Unesco in Lombardia
La presentazione degli affreschi restaurati alla presenza di monsignor Diego Coletti (Foto by archivio)

Il santuario di Ossuccio si studia a scuola

Con altri nove siti Unesco in Lombardia

Tremezzina Intesa tra Regione, Università Cattolica e istituti per impegnare gli studenti

Già dal 2003 - anno “di grazia” in cui il Sacro Monte di Ossuccio, luogo di profonda fede e devozione - entrò a far parte dello sterminato patrimonio targato Unesco - si era avvertita l’esigenza di valorizzare al meglio Santuario e Viale delle Cappelle e di riflesso la porzione di territorio che al Sacro Monte fa riferimento.

Qualche timido esperimento - soprattutto a livello di cartellonistica - è stato portato avanti negli anni.

Un po’ poco ad onor del vero, tanto che ancora oggi sono spesso i residenti a guidare spontaneamente i turisti verso il Santuario del Soccorso. Nei prossimi mesi, il Sacro Monte di Ossuccio - che lo scorso 1° aprile ha ospitato una riuscita rappresentazione della “Passione del Signore” - sarà materia di studio non da parte di addetti ai lavori, ma nelle scuole.

I dettagli su la Provincia in edicola mercoledì 9 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA