La “semuda” più buona?  Il formaggio  divide gli abitanti
Plinio Bossio con la semuda, il formaggio dell’alto lago

La “semuda” più buona?

Il formaggio divide gli abitanti

Rientra tra i prodotti agroalimentari tradizionali Da Dosso del Liro a Domaso dibattito sulla qualità

Domaso

La “semuda” rientra fra i prodotti agroalimentari tradizionali lombardi riconosciuti dal Ministero delle politiche agricole e alimentari.

Ed è anche su wikipedia. L’enciclopedia libera di internet la definisce un tipico formaggio delle valli del Medio e Alto Lario occidentale, principalmente della zona di Dongo, Gravedona e Domaso, ottenuto da latte di vacca scremato, caglio (bovino ed ovino) e sale, con forme cilindriche del diametro medio di 30 centimetri e scalzo di circa 8.

Lo segnala la pagina facebook “Paese di Livo” e il confronto che si sviluppa è appassionante. «Non per campanilismo, ma la migliore è quella del Dosso» si legge in uno dei commenti.

«Sentite, la migliore è quella di Livo» ribatte prontamente un altro

E il dibattito continua

I dettagli su La Provincia in edicola giovedì 12 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA