Ossuccio aspetta i fuochi di San Giovanni  Regina chiusa nel tratto Argegno-Lenno
L’incendio dell’Isola Comacina simulato attraverso i suggestivi fuochi artificiali, il momento più atteso della Sagra di San Giovanni (Foto by Carlo Pozzoni)

Ossuccio aspetta i fuochi di San Giovanni

Regina chiusa nel tratto Argegno-Lenno

Oggi lo spettacolo dell’incendio dell’Isola Comacina previsto per le 22,30. Blocco del traffico sulla statale tra dalle 20 alle 24. Alle 16 già esauriti i 400 posti auto di Ossuccio

È la notte più attesa, quella della Sagra di San Giovanni a Ossuccio in Tremezzina. L’incendio dell’Isola Comacina, l’assalto dei ventimila che fin dal primo pomeriggio di sabato 24 giugno 2017 cercheranno il posto migliore dal quale assistere allo spettacolo pirotecnico che illuminerà la Zoca de l’Oli previsto per le 22,30, scandiscono una giornata attesa da un anno all’altro fin dalla notte dei tempi. Storia e tradizione si mescolano per questo appuntamento che ripropone l’assedio, la distruzione e l’incendio dell’Isola Comacina del 1169 con il quale il Barbarossa ha posto fine all’egemonia isolana. Un evento la cui organizzazione impone una serie di cautele in una zona viabilisticamente fragilissima qual è quella della statale Regina proprio nell’area di Tremezzina. Per questo la statale Regina sarà chiusa al traffico dalle 20 alle 24 nel tratto tra Argegno e Lenno, con percorso alternativo tra Argegno, San Fedele, Laino, Porlezza, Menaggio e Lenno. Chi ha potuto si è mosso per tempo, e alle 16 i 400 posti auto di Ossuccio erano già al completo. Per i fortunati che assisteranno dal vivo allo spettacolo ci sarà anche la possibilità di attendere l’evento al parco di via Cantoni di Ossuccio dove è aperta la cucina ed è in programma la serata danzante.

Ampio servizio su La Provincia di sabato 24 giugno 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA