Pedala per 14 ore  fino al San Primo
Stefano La Mastra mentre affronta uno dei tornanti che portano al Ghisallo (Foto by foto gandola)

Pedala per 14 ore

fino al San Primo

L’impresa di La Mastra che ha raggiunto il dislivello del monte Everest Undici volte sul Ghisallo

Serviva l’impresa sui tornanti del Ghisallo ed in circa 14 ore l’impresa è arrivata. Stefano La Mastra ha centrato il suo Everisting riuscendo a salire un dislivello di 9.077 metri, oltre l’obiettivo di 8.848 metri che rappresenta l’altezza dell’Everest. Dalle 4 alle 21 di sabato il ciclista 35enne di Saronno, responsabile tecnico in un’azienda che organizza eventi, ha continuato a salire e scendere la Super Ghisallo, quindi i tornanti del Ghisallo e quelli che portano al Piano Rancio fino al Rifugio la Genzianella.

«Sono molto contento del risultato anche perché non ho avuto alcun problema durante la giornata, è andato tutto oltre le previsioni – spiegava ieri La Mastra – La partenza del mio percorso era la rotonda sopra Bellagio, arrivo al ristorante dove ho attrezzato nel piazzale un punto ristoro. Un sacco di amici mi sono venuti a trovare alleviandomi un poco il peso dello stare così tanto in bicicletta».

Naturalmente oltre alle 14 ore 20 minuti e 23 secondi in bici sono serviti diversi minuti per recuperare le forze: «Complessivamente ho fatto tre ore di pausa tra le diverse salite», conclude La Mastra.

I dettagli su La Provincia in edicola lunedì 17 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (4) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
J B scrive: 19-07-2017 - 12:05h
Lo è (un po' criceto). Il motivo è che una cosa del genere non si fa per guardare il paesaggio e il panorama, ma si fa per compiere un'impresa, per raggiungere un obbiettivo, per confrontarsi in una sfida con se stessi. Poi probabilmente il sig. Stefano negli altri 364 giorni all'anno, si fa le sue belle scampagnate sui monti o sul lago, godendosi anche il panorama. ma anche allenandosi per migliorare se stesso. Questo è e dovrebbe essere lo spirito dello sport (in generale) e di chi lo fa
dimensionecore90.4753751731
Tommy Maximilien Robespierre scrive: 18-07-2017 - 21:45h
il senso l ho capito bene. è solo un mio "de gustibus" ,così mi sa tanto di criceto sulla ruota
J B scrive: 18-07-2017 - 11:20h
Tommy, il senso è che se vuoi fare molti km di salita nel minor tempo possibile devi azzerare i km di pianura. Se fai sempre la stessa salita avanti e indietro non fai neanche un metro di pianura. Non perdi tempo a fare km in piano che sono inutili per il tuo obbiettivo (che è fare salita). Chapeau al sig. Stefano
dimensionecore90.4753751731
Tommy Maximilien Robespierre scrive: 17-07-2017 - 11:29h
sinceramente non capisco queste performance di ripetere alla noia lo stesso tracciato.meglio farsi un bel giro con 4/5 passi alpini almeno si gode un po' di panorama