Stazzona, massi si staccano dai monti  Distrutto un crotto appena sistemato
Il locale bagno del crotto devastato dalla frana

Stazzona, massi si staccano dai monti

Distrutto un crotto appena sistemato

La struttura era utilizzata come seconda casa e fortunatamente era vuota

È stata abbattuta una parete: devastati il locale bagno e un corridoio interno

Il mese scorso, dopo una un’ondata di maltempo, il Lesio, modesto corso d’acqua che scende da Stazzona, aveva coperto di detriti un’intera fascia di Dongo e un tratto della carreggiata della strada provinciale della Valle Albano.

Stavolta, senza che piovesse, alcuni massi di roccia si sono staccati dal versante lungo la vecchia strada militare di Stazzona: uno di svariati quintali, in particolare, si è abbattuto contro un immobile, un vecchio crotto ristrutturato e usato come seconda casa, abbattendo una parete e distruggendo il locale bagno e un corridoio interno.

È accaduto intorno alle 23 di martedì e anche da Dongo, a quell’ora, in parecchi hanno udito un boato proveniente dall’area soprastante.

I dettagli su La Provincia in edicola giovedì 27 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA