Tremezzina: di record in record  «Nessuna villa Fai   come il Balbianello»
Uno scorcio di Villa Balbianello nell’immagine di Alessio Mesiano

Tremezzina: di record in record

«Nessuna villa Fai

come il Balbianello»

Numeri da capogiro della splendida dimora che chiuderà la stagione con oltre 115 mila visitatori. «Un indotto per il territorio che vale 4 milioni di euro»

Se persino nella minuscola isola di Aruba - tra le più belle dei Caraibi - non hanno saputo resistere al fascino di Villa del Balbianello (una coppia d’oltreoceano ha scelto proprio questo spicchio di Lario per pronunciare il fatidico “sì”), è facile spiegare come per il terzo anno consecutivo la sontuosa dimora lennese ha conquistato il titolo di bene Fai più visitato d’Italia.

Di record in record, considerato che il 2017 - con l’appendice delle aperture invernali sino al 7 gennaio 2018 - si chiuderà a quota 115 mila visitatori (con un autentico boom, per il secondo anno, di turisti francesi), con in cassaforte 140 tra matrimoni civili (2 soli italiani) ed eventi e 60 già prenotati per il 2018.

Numeri da capogiro quelli snocciolati ieri in Loggia Segrè da Giuliano Francesco Galli, general manager Fai Lombardia Prealpina e da Tea Raggi, responsabile Ufficio promozione ed eventi Fai. «Dei 750 mila visitatori nei beni Fai, 115 mila li totalizzerà Villa del Balbianello. Il 2017 si chiuderà con un incremento tra il 20 ed il 30% a livello nazionale, con la bella novità della presenza di tante famiglie, nei mesi estivi», chiosa Tea Raggi. Dunque Villa del Balbaniello veleggia a quasi 12 mila visitatori di media al mese (archiviata per ora l’ipotesi “numero chiuso”), con un indotto importante per il territorio quantificato dal sindaco di Tremezzina, Mauro Guerra (presente ieri anche Guglielmina Botta), in «4 milioni di euro nelle sole giornate Fai di Primavera».

Tutti i dettagli sul quotidiano La Provincia in edicola domenica 17 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA