Val Rezzo, la “favola”   del paese più povero
Uno scorcio della piazza della chiesa di Val Rezzo

Val Rezzo, la “favola”

del paese più povero

Secondo la solita classifica dei redditi gli abitanti guadagnerebbero poco più di 5 mila euro l’anno

In realtà sono tutti frontalieri e pagano le tasse in Svizzera.

Quest’anno tocca a Val Rezzo la palma di più povero Comune d’Italia; negli anni scorsi era toccata più volte a Cavargna (che si piazza comunque al secondo posto) e persino a Valsolda.

Il reddito medio pro capite risultante al fisco per i 170 abitanti del minuscolo paese a monte di Porlezza è di soli 5.417 euro. Una somma che non permetterebbe certo di sopravvivere, nemmeno tirando la cinghia.

A soli 100 chilometri di distanza, alla porte di Milano, c’è Basiglio, che risulta il Comune più ricco della Penisola, con un reddito pro capite di 42.041 euro. La classifica dei redditi elaborata dalla start up di studi economici Twig sulla base dei dati fiscali pubblicati dal Dipartimento delle finanze, insomma, rivela delle forti contraddizioni in Lombardia, tra l’altro a poca distanza.

I dettagli su La Provincia in edicola martedì 5 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA