Aggredisce una commessa  Giovane condannata a 6 mesi
La polizia alla Coin di via Boldoni

Aggredisce una commessa

Giovane condannata a 6 mesi

Calci e pugni anche a un collega della donnae ai due agenti intervenuti in via Boldoni

Una serata insolitamente animata, quando mancavano pochi minuti alla chiusura del negozio, ma a movimentare lunedì il reparto profumeria della Coin, posto al pian terreno del grande magazzino di via Boldoni, non è stato un tentativo di rapina, bensì un approccio niente affatto gradito ad una commessa.

Che ad averlo messo in atto sia stata un’altra donna, o meglio, una ragazza, data l’età (22 anni), è solo un particolare che aggiunge poco ad una vicenda approdata ieri mattina in tribunale per i reati di lesioni personali, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

La protagonista di questa vicenda ieri mattina è stata condannata con rito direttissimo a sei mesi, pena sospesa.

Sono le 19.30 di lunedì quando la ragazza entra in negozio e punta direttamente al reparto profumeria, dove scorge una commessa che subito attira la sua attenzione. In breve le è addosso e la abbraccia, nonostante quell’altra la rifiuti e cerchi aiuto.

Sul posto arrivano altre colleghe, tutte respinte dalla ragazza e infine l’unico uomo in negozio in quel momento, che si frappone tra le due, le separa, mette in sicurezza la collega. Ma la ragazza non si dà pace e lo aggredisce a pugni e calci: ieri in tribunale l’uomo portava ancora i segni della violenza subita. In ospedale gli hanno refertato lesioni per dieci giorni.

A questo punto qualcuno chiama le forze dell’ordine, interviene la polizia con la Squadra volante. Dopo un iniziale momento di calma, la giovane torna ad agitarsi, e fa oggetto di calci e pugni anche i due agenti: ne avranno anche loro per sette giorni.

La sua reazione violenta ha fatto scattare le manette ai suoi polsi. Ha trascorso la nottata in questura, fino a quando, ieri mattina è comparsa in Tribunale. Arresto convalidato e giudizio direttissimo: condannata a sei mesi, ha subito riacquistato la libertà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA