Olgiate, l’addio a Franco Maino  L’uscita di scena del grande attore
Uno dei ricordi di Franco Maino nostrato sul sagrato dai suoi ammiratori

Olgiate, l’addio a Franco Maino

L’uscita di scena del grande attore

Familiari, amici e tanti colleghi ai funerali dell’attore morto all’alba di lunedì a 75 anni La canzone di Vasco Rossi e la poesia di padre Turoldo

Un inno alla vita, per l’ultima uscita di scena di Franco Maino. L’attore olgiatese morto a 75 anni, poco prima dell’alba di lunedì, per un tumore. Nel giorno dei suoi funerali, l’amica e collega Valentina Ferrari - a nome della moglie Annamaria, del figlio Andrea e dei colleghi dell’attore - ha letto un passaggio della canzone “Vivere” di Vasco Rossi che tanto piaceva a Franco Maino.

Poco prima gli aveva dedicato la poesia “Funeral blues” di Auden tratta dal film “Quattro matrimoni e un funerale”. In tanti, ieri nella chiesa parrocchiale, hanno partecipato ai suoi funerali. A salutarlo c’era la “sua gente”, gli olgiatesi, a cominciare dal sindaco Simone Moretti, per continuare con il presidente della Provincia, Maria Rita Livio, componenti del Corpo musicale Olgiatese, il presidente dell’Avis Matteo Livio (Maino era stato donatore). Ai funerali anche colleghi e amici che hanno condiviso con lui un lungo percorso artistico e umano (fra cui Valentina Ferrari, Laura Negretti, Antonella Fumagalli, Efisio Pusceddu), il cantante Filippo Andreani, l’attrice Sarah Paoletti. Per l’occasione è tornato a Olgiate anche il prevosto emerito, don Lorenzo Calori. Il prevosto, don Marco Folladori, si è congedato dall’attore olgiatese con una poesia di padre David Maria Turoldo.

Ricordi e testimonianze su La Provincia di giovedì 12 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare