«Spacciatori con il machete nei boschi»   Una raccolta di firme dopo le proteste
Una delle strade boschive punto di riferimento per spacciatori e clienti

«Spacciatori con il machete nei boschi»

Una raccolta di firme dopo le proteste

Olgiate La propone il consigliere Marco Bernasconi dopo la segnalazione

Spaccio nei boschi, scatta la mobilitazione. A breve sarà avviata una raccolta firme per chiedere interventi atti a contenere il fenomeno, fonte di crescente preoccupazione. La avvierà il consigliere di minoranza Marco Bernasconi (Liberali), per sollecitare interventi anche sulla scorta della segnalazione di spacciatori armati di machete nei boschi in località Baragiola.

«Siamo in presenza di un fenomeno purtroppo ormai consolidato, tanto che la gente non si sente più libera di fare una passeggiata nel bosco, magari per raccogliere castagne come sarebbe normale fare in questo periodo dell’anno – spiega il consigliere – Per cercare di sensibilizzare chi di dovere a intervenire, intendo promuovere una raccolta di firme a sostegno di una petizione indirizzata alla prefettura, che impegni la stessa a mettere in campo tutte le misure che ritenga opportune al fine di un contenimento del fenomeno».

«L’ideale – conclude Bernasconi - sarebbe riuscire a mettere insieme un gruppo di cittadini e amministratori che si renda disponibile a recarsi in prefettura, per consegnare personalmente la petizione al prefetto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA