Una rivoluzione per l’oratorio  Olgiate, giù la cappellina
L’oratorio visto dal campanile, in primo piano il tetto del teatro, a destra la cappellina

Una rivoluzione per l’oratorio

Olgiate, giù la cappellina

Lanciato il progetto per la ristrutturazione

olgiate comasco, il vicario don romeo scinetti

olgiate comasco, il vicario don romeo scinetti

La cappellina San Pio X dell’oratorio maschile verso l’abbattimento. La sua demolizione rientra nell’ipotesi d’intervento di riqualificazione dell’intero complesso dell’oratorio. Al momento c’è poco più che una bozza di massima, non ancora un progetto, per dare risposta all’esigenza di adeguare le attuali strutture alle normative in materia di sicurezza e realizzare spazi più moderni e funzionali.

«L’idea è di fare una ristrutturazione complessiva e di riconvertire l’uso del teatro Aurora a sala polivalente – spiega il vicario, don Romeo Scinetti, responsabile dell’oratorio – Avremmo intenzione di demolire la cappellina costruita sessant’anni fa e ormai fatiscente. Serviva all’oratorio maschile, come cappella dove celebrare le funzioni religiose. Al piano superiore ci sono le aule che usiamo per il catechismo e altre attività. L’idea sarebbe di abbatterla, non avendo vincoli particolari. Eliminando la cappellina si libererebbe anche spazio all’esterno».

Il teatro Aurora diventerebbe invece un salone multifunzionale per le feste e il catechismo.

Una grande tettoia collegherebbe la palazzina del bar a quella già esistente e il campo verrebbe rifatto e ruotato di 180 gradi.

«Più che un progetto, è un sogno che deve trovare accoglimento da parte della comunità – sostiene don Romeo – Il risultato della raccolta delle offerte per la festa dei canestri ci darà una prima indicazione se la comunità abbia voglia di investire soldi, forze e iniziative a sostegno di questo intervento. Se così fosse, avremmo tutto l’inverno per preparare il progetto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare