Nome di donna

Regia: Marco Tullio Giordana

Genere: Drammatico

Anno: 2018

Con: Cristiana Capotondi, Valerio Binasco, Stefano Scandaletti, Michela Cescon, Bebo Storti, Laura Marinoni, Anita Kravos, Stefania Monaco, Renato Sarti, Patrizia Punzo, Patrizia Piccinini, Vanessa Scalera, Linda Caridi, Adriana Asti

L'estate è iniziata da poco quando Nina, giovane madre single, decide di lasciare Milano per spostarsi in un paesino della bassa lombardia. Qui trova lavoro in una clinica privata e prestigiosa per anziani. Giorno dopo giorno, Nina si confronta con le sue nuove colleghe, alcune italiane e molte straniere. La clinica elegante com'è pare quasi un luogo fiabesco ma tra le sue mura si cela un torbido segreto, un sistema di di favori messo in piedi da Marco Maria Torri, manager della struttura. Quando Nina scopre la verità,sulle prime, viene allontanata dalle colleghe preoccupate di perdere l'impiego. Pian piano, però, tutte le donne unite trovano la forza di affrontare il direttore e lanciarsi in una coraggiosa battaglia in difesa della propria dignità. Sei anni dopo "Romanzo di una strage" (2012) Marco Tullio Giordana porta sul grande schermo un dramma che riflette sull'abuso di potere, sul lato infido delle molestie sessuali sul lavoro, che possono anche essere meramente psicologiche e non per questo meno violente, gravi e lesive. Protagonista della pellicola Cristiana Capotondi (al cinema nel 2016 con "7 minuti") affiancata, tra gli altri, dall'attore e regista teatrale Valerio Binasco che ricordiamo nel film "Alaska" (2015).