Venerdì 04 Gennaio 2013

Basta con scoiattoli esteri
Il "rosso"italiano e protetto

Arriva  lo stop agli allevamenti selvaggi di animali, in particolare di quelli importati e che entrano in concorrenza pericolosa con le specie autoctone.

"Sono vietati, su tutto il territorio nazionale, il commercio, l'allevamento e la detenzione di esemplari di scoiattoli alloctoni", cioè che sono nati e cresciuti in un luogo diverso da quello in cui si trovano.

Lo dice un decreto a tutela dello scoiattolo comune a firma di Corrado Clini, Mario Catania e Corrado Passera, in attesa di essere pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. La specie, sottolinea l'associazione, è fortemente minacciata dalla competitività territoriale dello scoiattolo grigio, dello scoiattolo di Pallas e dello scoiattolo volpe. Per questo il ministero ha vietato la commercializzazione in Italia di queste tre specie, tenuto conto "del ruolo prioritario che il commercio può assumere nella loro diffusione nell'ambiente naturale".

"È un'importante e positiva novità - ha detto il responsabile fauna e benessere animale di Legambiente Antonino Morabito - Per la prima volta ecco un testo che affronta la questione del commercio degli animali e non soltanto il contenimento sul territorio degli scoiattoli alloctoni.  Di fatto questo testo tutela sia lo scoiattolo rosso che le altre specie, di cui impedisce anche l'allevamento in cattività".

u.montin

© riproduzione riservata

Tags