Vacanze da “riempire” in quattro mosse
Lago, mare o vacanze a casa? I ragazzi cercano come riempire gli spazi lasciati liberi dalla scuola

Vacanze da “riempire” in quattro mosse

Bambini e ragazzi alle prese con la domanda “Oggi cosa faccio?”, qualche spunto per divertirsi mischiando relax e compiti

La scuola è finita, e voi ragazzi avrete tre lunghi mesi da “riempire” come desiderate. Basta organizzarvi e l’estate sarà meravigliosa!

Vi do qualche spunto: 1) Se i vostri genitori lavorano e siete affidati ai nonni, coinvolgeteli nell’organizzare un pic-nic sul prato in un parco vicino a casa.

Mettetevi d’accordo con qualche amico: ciascuno porterà i suoi panini e da bere.

Basterà una coperta da mettere a terra e, se il parco è vicino, potrete andarci a piedi o in bici. Sarà bello stare in mezzo alla natura e vi sentirete subito in vacanza!

2) Vi piace andare in bicicletta? Una domenica, coinvolgete più genitori possibili e organizzate una biciclettata lungo un percorso ciclabile, magari facendo una pausa per pranzo in un agriturismo. Sarà un modo piacevole e insolito per stare tutti insieme!

3) Fate i compiti in compagnia: contattate qualche compagno e invitatelo a casa vostra per svolgere i compiti delle vacanze. Lavorate insieme per un paio d’ore e poi uscite per gustarvi un buon gelato.

4) Mancate di concentrazione nei compiti? Allora chiedete ad un compagno di venire con voi in biblioteca: starete al fresco e lavorerete in silenzio.

Al termine, via per un giro in bici o al parco.

Il vantaggio di “miscelare” compiti, amici, divertimento è che non sentirete il peso dei compiti, manterrete il legame con i compagni e potrete svagarvi insieme a loro. E, senza rendervene conto, farete un grande regalo ai vostri genitori, perché potrete partire per le vacanze senza portarvi i compiti. Così anche loro potranno godersi il meritato relax!

Ah, non dimenticate di portarvi un bel libro e scegliere un luogo tranquillo dove isolarvi e tuffarvi nella lettura. Buone vacanze!

* insegnante e teen coach, www.coachgazzola.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA