Mercoledì 09 Dicembre 2009

La storia dei tre comaschi
che sbancarono Ibiza

Una passione sfrenata per gli occhiali da sole, una vacanza a Ibiza, una buona dose di fantasia e tanto coraggio. Da questo mix nasce l’incredibile storia di tre ragazzi comaschi, che sono riusciti a trasformare un gioco in un lavoro. L’intuizione vincente? Vendere gli occhiali… con i distributori automatici, al posto delle merendine.

STORIA PAZZESCA
Ma l’avventura parte da lontano, dalla Spagna. Stefano Ottone, Alessandro Forte e Matteo Maragnano hanno poco più di vent’anni e sono a Ibiza solo per spassarsela. Adorano gli occhiali da sole e i modelli vintage, così decidono di affittare l’angolo di un negozio per la stagione successiva. L’obiettivo? Recuperare vecchi modelli di occhiali nei magazzini dei negozi di ottica e provare a rivenderli. Un gioco, nulla di più. Ma i ragazzi iniziano ben presto a prenderci gusto, girano mezza Europa per cercare i pezzi più interessanti e si accorgono che il progetto funziona meglio del previsto. Gli occhiali si vendono in fretta e ci sono già soldi sufficienti per comprarsi un negozietto. Il passo successivo è la decisione di disegnare un modello nuovo e di costruirlo in Italia, visto che quegli strani occhiali colorati sembrano piacere a tutti.
Ma la storia si sarebbe conclusa molto diversamente se i tre non avessero avuto un autentico colpo di genio. Quale? Un accessorio alla moda va venduto nel luogo alla moda per eccellenza, si sono detti. E così è nata l’idea di proporre gli occhiali… in discoteca. Come? Utilizzando i distributori automatici solitamente riservati agli snack E per di più vendendo i modelli a basso costo (venti-trenta euro). Iniziano in estate, con club e discoteche di Ibiza, il luogo del divertimento per eccellenza, e danno anche vita al loro marchio («Glassing»). Le vendite vanno a gonfie vele (oltre ventimila pezzi) e nel 2008 gli inediti distributori automatici di occhiali sbarcano anche a Milano e a Firenze, riscuotendo ancora grande successo.

ALTRO CHE MERENDINE
Quello che doveva essere un viaggio all’insegna del relax e dello svago, insomma, è diventato solo la prima tappa di una storia a dir poco curiosa. Alessandro, Stefano e Matteo oggi hanno tra i 25 e i 27 anni e sono finiti persino sul magazine del «Corriere della sera».
La capacità di inventarsi un nuovo utilizzo dei tradizionali distributori ha fatto la differenza, anche se oggi la modalità di vendita degli occhiali da sole è diventata più tradizionale. Grazie a un accordo con Polaroid Italia, infatti, i modelli tanto cari ai tre ragazzi comaschi (hanno stabilito a Merone il loro quartier generale) verranno distribuiti nei negozi di ottica.
Di certo, gli ideatori non dimenticheranno quell’esordio a Ibiza, con una macchinetta del tutto simile a quelle che troviamo in ogni ufficio, con i salatini e i dolcetti.
Michele Sada

p.moretti

© riproduzione riservata