Giovedì 16 Settembre 2010

Ladri di ortaggi a Solbiate,
via i pomodori di don Renzo

SOLBIATE (F. R.) Rubati i pomodori e le melanzane che don Renzo Scapolo con l'aiuto di volontari coltiva in una piccola superficie di terreno, oltre la recinzione della residenza sanitaria assistenziale “San Carlo Borromeo” Fatebenefratelli, dove da circa un anno ha fissato la sua dimora dopo la malattia, che l'ha costretto a lasciare la parrocchia di Plesio che guidava da circa dieci anni. Don Renzo si è accorto l'altra mattina quando, accompagnato da un volontario, era andato a fare il primo raccolto.
«Con grande dispiacere - racconta don Renzo - mi sono accorto che non c'era più traccia né di pomodori e né di melanzane. Di queste ultime si sono portate via della più grande alla più piccola, dei pomodori i ladri avevano lasciato attaccati soltanto quelli verdi. Le piante di alta qualità mi erano state donate dall'azienda di Ortoflorifrutticultura di Vertemate con Minoprio, si domanda umilmente di non continuare nell'opera per lasciare assaggiare almeno la seconda ondata di maturazione. Grazie».
Don Renzo Scapolo da sempre appassionato di agricoltura ha realizzato il suo piccolo orticello su un piccolo terreno di dimensioni di circa quattro per nove metri, esterno alla recinzione della residenza sanitaria Fatebenefratelli, un privato lo ha affidato alle cure del sacerdote gratuitamente.

r.caimi

© riproduzione riservata

Tags