Sabato 01 Agosto 2009

Piano casa, la paura dei sindaci
"Colate di cemento sul lago"

Lungo il lago è forte la preoccupazione da parte dei sindaci anche per le conseguenze amministrative, oltre a quelle ambientali, che la nuova  normativa sul piano casa  potrebbe portare con sé. Una posizione riassunta dalle parole di Marco Rumi, assessore all’urbanistica del Comune di Griante, presente con il neo sindaco Leandro Bianchi: «Sono molto preoccupato perché temo che questa normativa possa esporre i Comuni a ricorsi amministrativi, per via della necessità di individuare entro una scadenza fissata a breve le zone dove il piano casa non potrà essere adottato. Si rischia di aggravare i già precari bilanci dei Comuni con le parcelle degli avvocati».
Di parere contrario, invece, l’assessore provinciale al territorio Sergio Mina: «Questa normativa, che entrerà in vigore il 16 ottobre e durerà 18 mesi, porterà ossigeno alle casse comunali grazie all’edilizia. Non si consumerà nuovo suolo e i Comuni potranno individuare le zone da salvaguardare».


Sul quotidiano in edicola le varie posizioni degli amministratori

u.montin

© riproduzione riservata